Allegri: “Troveremo una Lazio che vorrà vincere”

Pubblicato il autore: Gianfranco Mairone

Juventus' coach Massimiliano Allegri shouts during a Serie A soccer match against Chievo Verona at the Bentegodi stadium in Verona, Italy, Saturday, Aug. 30, 2014. (AP Photo/Felice Calabro')

Giornata di vigilia in casa Juventus che domani aprirà il turno di campionato in trasferta con la Lazio di Stefano Pioli. Max Allegri ne ha parlato nella consueta conferenza stampa, ecco le sue parole:

Sulle voci che la vorrebbero in Premier?:“Non ci sono problematiche sulla formazione. ho un buon numero di giocatori a disposizione, sarà una gara difficile perché la Lazio viene da delle prestazioni negative e vorrà vincere. Hanno da riscattare anche la sconfitta della Coppa Italia e Supercoppa. Il nostro obiettivo è riconquistarci un’altra posizione. Ho un contratto fino al 2017 con la Juventus molto più importante delle voci di mercato. Ho ben altri obiettivi, tra un mese ci sarà il mercato di gennaio così sarete tutti contenti di spostare giocatori da una parte e dall’altra. Pensiamo a cosa dobbiamo fare quest’anno”.

Chi recupera?: “Asamoah si è allenato con la squadra e stava bene. Khedira non sarà disponibile e neanche per quella di Siviglia. Affrettare il rientro dei giocatori è pericoloso, quando rientrano non devono più infortunarsi. Lemina può essere di nuovo a disposizione”.

Il distacco con il Napoli è solo grazie a Higuain? Lo scambierebbe con Dybala?: “Io non scambierei nessun giocatore con i miei. Higuain sta facendo la sua migliore annata da quando qui è in Italia. Dybala sta bruciando le tappe, sotto il piano del gioco e di uomo. E’ un dato importante per la squadra e la società visto l’investimento fatto. I 7 punti col Napoli sono dati dal fatto che all’inizio abbiamo lasciato per strada 7 punti perché ne abbiamo fatto solo 2 con 3 squadre. In un contesto che funziona giocatori come Higuain, Dybala, Neymar, Messi, possono fare la differenza, insomma per tutti i grandi campioni”.

Leggi anche:  Derby Manchester, probabili formazioni City-United: le scelte di Guardiola e Ten Hag

Aspetto più bello la difesa ritrovata?: “E’ un periodo positivo, siamo ancora lontani dalle posizioni che ci competono. Abbiamo capito che per vincere le partite si deve soffrire, lottare su ogni pallone e nell’ultimo mese abbiamo messo in atto questa idea. Tutti lavorano bene quindi anche la difesa”.

Rammaricato per i risultati con Inter e Napoli?: “Quando si rincorre si deve essere bravi e lucidi, se guardiamo solo le squadre che stanno davanti quando pareggi ti sembra di aver fallito. Non si perde lo scudetto con un pareggio. Dobbiamo acchiappare il quarto posto, ora con Lazio e poi la Fiorentina. Non dobbiamo demoralizzarci. Il campionato dice dei numeri, dagli 80 punti lo vinci, da 72 a 80 arrivi secondo o terzo e noi dobbiamo basarci su questo”.

Morata quando entra dalla panchina si incaponisce: “Capita, Morata è un giocatore straordinario che sta riacquistando una buona condizione fisica e mentale. Con lui non c’è nessun problema. Col City l’ho tranquillizzato, non l’ho sgridato. Deve dare molto alla juventus e io pretendo molto da lui come da Zaza, che ha fatto bene quando è entrato a Palermo”.

Leggi anche:  Bundesliga, probabili formazioni Bayern Monaco-Bayer Leverkusen

Quota scudetto si può abbassare? Senza Pogba come cambia la Juve?: “4-4-2 classico difficile vederlo domani. Devo valutare oggi chi può fare la mezzala al posto di Pogba. Quota scudetto è difficile, io dico che è difficile sia sotto gli 80. Nel ritorno del girone i punti diventano più pesanti ed è più difficile farli”.

Spazio per Cuadrado domani?: “A Palermo ha fatto una buona partita. Se non giocherà, chi entra dalla panchina sono determinanti. Devono entrare con la testa giusta, come Evra con il City o Zaza col Palermo. Mi arrabbiano quando entrano in campo con la testa sbagliata”.

Giocare prima delle concorrenti è un vantaggio?: “E’ un vantaggio se vinciamo, se perdiamo non lo è. Le valutazioni nel calcio vanno sempre dopo il risultato”.

Pereyra a che punto è?: “Ieri in uno degli ultimi allenamenti ha avuto un risentimento al flessore, oggi saranno fatti degli accertamenti e si vedrà. C’è stato un problema sulla cicatrizzazione del tendine. E’ un

Leggi anche:  Dove vedere Cittadella-Ternana, streaming e diretta Tv

Domani chi gioca davanti?: “Non ho ancora deciso chi far giocare, se Mandzukic, Morata o Zaza”.

Juve può rispuntare allo scudetto?: “Quando si rincorre è sempre difficile, dobbiamo porci dei mini obiettivi. Vediamo la squadra più vicina davanti a noi e superiamola, cioè la Roma. Dobbiamo fare un tot di punti e vedremo dove possiamo arrivare”.

Padoin può tornare utile domani?: “E’ stato molto criticato all’inizio ma la Juve non aveva perso perché giocava lui davanti alla difesa. E’ un ragazzo positivo, intelligente, che conosce il calcio. Sarà sicuramente utile domani”.

4 vittorie consecutive diverse tra di loro: “Con l’Empoli abbiamo fatto una delle peggiori a livello tecnico anche se abbiamo vinto. Col City è stata bellissima su tutti i punti di vista, a Palermo abbiamo giocato una gara di personalità. I ragazzi stanno meglio fisicamente, basta vedere come corrono. Non abbiamo ancora fatto nulla, altrimenti incapperemo in cali di tensione. Domani troveremo una Lazio che vorrà vincere per uscire da un brutto periodo e sarà molto difficile”

  •   
  •  
  •  
  •