Bari, per la panchina si fa il nome di Inzaghi

Pubblicato il autore: Antonio Paradiso

filippo_inzaghi_getty
Potrebbe essere Filippo Inzaghi, reduce dalla disastrosa esperienza sulla panchina del Milan nella scorsa stagione, il nuovo allenatore del Bari, che nella giornata di ieri ha ufficialmente esonerato Nicola dopo il ko di Trapani. Infatti, il presidente dei “galletti”, Gianluca Paparesta,  pare sia seriamente intenzionato a puntare su “Superpippo” per cercare di far ritornare i biancorossi in Serie A dopo un’assenza di cinque anni. Lo stesso Inzaghi ha comunque negato che vi sia stato un contatto ufficiale, anche se non ha definitavamente chiuso la porta. Va detto però che un’eventuale esperienza in Puglia per Inzaghi rappresenterebbe comunque un’arma a doppio taglio: da un lato, qualora le cose dovessero andare bene, potrebbe essere un trampolino di lancio, che permetterebbe all’ex giocatore di Atalanta, Juve e Milan di rientrale nel grande calcio dalla porta principale; dall’altro, qualora le cose dovessero andare male, Inzaghi rischierebbe di cadere nell’anonimato, anche perché fallirebbe con una squadra che è stata costruita per vincere. Ritornando al “toto-allenatore” in casa Bari, bisogna aggiungere che se non dovesse concretizzarsi la pista Inzaghi, restano caldi i nomi di Andrea Camplone, la scorsa stagione sulla panchina del Perugia, Eugenio Corini e Diego Lopez, in passato allenatore del Cagliari, che lo scorso anno ha iniziato la stagione sulla panchina del Bologna prima di essere sostituito da Delio Rossi.

Leggi anche:  Champions League, probabili formazioni Ajax-Napoli: Simeone o Raspadori in attacco?
  •   
  •  
  •  
  •