Bufera Juventus : Marotta-Paratici deferiti

Pubblicato il autore: Domenico Margiotta

marotta-paratici-agnelli

La Juventus, insieme a Udinese e Gena sono state deferite alla Commissione disciplinare del Settore tecnico della Figc e a Tribunale federale nazionale, “per violazione dell’articolo 1 bis, comma 1, del codice di giustizia sportiva in relazione a quanto previsto dall’articolo 20, comma 4, del regolamento su agenti di calciatori, in vigore fino al 31 marzo 2015”, questo si legge nel comunicato ufficiale. Deferiti anche 9 tesserati: Andrea Stramaccioni, Gino Pozzo, Franco Collavino, Cristiano Giaretta, Giuseppe Bozzo, Marco Motta, Giuseppe Marotta, Alessandro Zarbano e Fabio Paratici. La Juventus, coinvolta per responsabilità diretta oggettiva (cosi come l’Udinese), per il trasferimento di Marco Motta, rischia una multa da 50.000 a 180.000 euro, ma anche una penalizzazione di uno o due punti. Quest’ultima possibilità creerebbe uno scossone alla classifica e soprattutto scatenerebbe delle lunghe polemiche. Arrivare alla penalizzazione è forse l’ultima possibilità e difficilmente la cosa si concretizzerà, ma certamente è una possibilità che andrà tenuta in conto. In poche parole, i bianconeri sono stati deferiti per responsabilità diretta e oggettiva per la violazione di una regola sul tesseramento di calciatori ed allenatori e sono state segnalate irregolarità anche nel passaggio tra un club all’altro di suddetti tesserati.

Leggi anche:  Lecce: ascolta il tuo bomber, ecco cosa promette

Una nuova tegola si abbatte in casa Juventus. L’inizio di stagione è stato sottotono (tanto per usare un eufemismo), in cui la Vecchia Signora è apparsa l’ombra della squadra che ha incantato non solo l’Italia ma anche l’Europa con le sue prestazioni e i risultati ottenuti. Ora invece la Juve ha finalmente trovato il bandolo della matassa, con una serie di risultati convincenti sia in Champions League che in campionato (senza contare la sconfitta incredibile a Siviglia dopo un’ora di buon gioco e occasioni sbagliate). Questa nuova tegola non ci voleva per il club torinese. La sanzione monetaria ovviamente non può in nessun modo ledere la società, ma sicuramente due punti di penalizzazione, possono essere un handicap forte per il prosieguo del campionato e per le ambizioni della Vecchia Signora. Infatti la squadra, dopo un novembre d’oro per i risultati raggiunti in campionato, ha guadagnato la quinta posizione con 27 punti, a una lunghezza dalla Roma (questa domenica impegnata con il Napoli), a 4 lunghezze da un Napoli vittorioso in coppa, a 5 la Fiorentina e a 6 l’Inter testa della classifica.

Leggi anche:  Dove vedere Hellas Verona-Udinese, streaming e diretta Tv

Domenica sera, nondimeno, la Juventus deve affrontare in casa la Fiorentina, sperare in una vittoria e guadagnare cosi punti importanti in vista della chiusura invernale del campionato e sperare inoltre in una nuova e ben più incisiva partenza a inizio 2016. Insomma è tutto un work in progress per la Vecchia Signora che di certo non smette mai di catalizzare su di sé gli occhi di tutti i tifosi italiani (juventini e non) e dei media. Da poco è arrivata l’ufficialità del rinnovo di Alvaro Morata. Il giocatore spagnolo sta vivendo un momento buio e le sue prestazioni sono moto al di sotto di quello che ha dimostrato di valere. Ma questo rinnovo (fino al 2020) dimostra come in casa bianconera nulla è cambiato dei progetti di questa società di ringiovanire la squadra e dare inizio a un nuovo corso.

  •   
  •  
  •  
  •