Champions League: le italiane in pericolo

Pubblicato il autore: Antonio Orlando

sorteggiE’ il momento della verità. Mancano solo poche ore al sorteggio degli ottavi di finale di Champions League e ai sedicesimi dell’Europa League. Per essere più precisi Juventus e Roma conosceranno i loro avversari intorno alle 12 quando a Nyon, sede dell’Uefa, inizierà la consueta cerimonia, mentre Napoli, Lazio e Fiorentina dovranno attendere fino alle 13. Le squadre che si sono qualificate dalla fase a gironi sono divise in due fasce. Nella prima troviamo le squadre che si sono qualificate come prime in classifica dei rispettivi raggruppamenti e che, quindi, giocheranno l’andata degli ottavi di finale in trasferta; nella seconda fascia, alla quale appartengono anche Juve e Roma, ci sono le squadre qualificatesi come seconde, che, difatti, giocheranno la partita d’andata in casa.

Queste le date: andata 16-17 e 23-24 febbraio; ritorno 8-9 e 15-16 marzo.

La prima regola degli ottavi di Champions che ben conosciamo è che non si possono sfidare squadre dello stesso paese nè formazioni che figuravano nello stesso gruppo. Inoltre, a causa della situazione politica, sono vietati abbinamenti fra club russi e ucraini.

La situazione è abbastanza complessa, ma soprattutto il rischio per le italiane è abbastanza elevato considerato che entrambe affronteranno una “prima della classe”. Quest’anno, o meglio, come sempre, le formazioni più temibili sono quelle inglesi e spagnole. Sia la Spagna sia l’Inghilterra porta con sé agli ottavi di finale 3 club: Manchester City, Chelsea ed Arsenal da una parte e Real Madrid, Barcellona e Atletico Madrid dall’altra. Poi abbiamo due tedesche Bayern e Wolfsburg, lo Zenit San Pietroburgo, il Paris Saint-Germain, il PSV Endhoven, il Benfica, la Dynamo Kiev e il Gent.

Leggi anche:  Ungheria-Italia, i convocati di Roberto Mancini: caso Immobile. I dettagli

La prima nota positiva per l’Italia che, se non risolve un problema, se non altro solleva il morale, è che la Juventus non affronterà il Manchester City e la Roma non affronterà il Barcellona già incontrati nella fase a gironi. Peraltro c’è da dire che la Juventus è uscita vittoriosa da entrambi gli scontri diretti. Ciò che non aiuta, invece, è la concreta possibilità di incontrare una big e non sarebbe in alcun caso una bella notizia soprattutto per la Juventus che ha qualche conto in sospeso con le sue rivali.
E’ il caso del Real Madrid, più volte battuto dai bianconeri. La sconfitta più recente dei blancos risale proprio la stagione scorsa in semifinale di Champions League. Ma anche il Barcellona del trio delle meraviglie potrebbe capitare a Dybala e compagni che dovrebbero lottare per evitare di subire una seconda sconfitta dopo quella rimediata in finale di Champions. E la Juve di quest’anno, diciamocelo, non è in grado di affrontare questo Barcellona stellare. Stellare come il Bayern di Pep Guardiola che in campionato ha già messo la quinta, mentre in Champions non è riuscito a brillare come ci ha abituato. Avversari, invece, più alla portata dei club italiani, sono lo Zenit, decisamente l’avversario più desiderato da ogni team, o anche l’Atletico Madrid, insidioso, ma già affrontato e sconfitto dal club di Max Allegri. Chiunque poi conosce il bel calcio espresso dal Wolfsburg che risulta essere un ottimo avversario, ma si inserisce nella lista dei meno temibili forse grazie al reparto difensivo che ancora non riesce a trovare solidità. E infine il Chelsea di Mourinho, campione in carica in Premier League, ma privo di personalità nella stagione attuale. Non si spiega il cambiamento repentino in negativo da parte della squadra dello special one che paradossalmente ha conquistato la vetta della classifica in Champions, pur occupando il 16esimo posto in Premier. Senz’altro si inserisce nella lista delle famose “meno peggio” se mi è concesso il termine. Tutto più difficile sembra essere, invece, per la Roma che ha strappato la qualificazione agli ottavi ottenendo solo 6 punti nel girone contro avversari sulla carta meno forti(fatta eccezione per il Barca). La formazione giallorossa, che ha perso lucidità anche in campionato, appare essere la sfavorita contro ogni appartenente alla prima fascia. Ma la squadra di Garcia, e lo dimostra l’1-1 ottenuto contro Messi e compagni, ci ha abituato a grandi prestazioni quando il caso lo richiede. Molti ipotizzano su Juve-Chelsea e Roma-Wolfsburg. Tra poche ore scopriremo se la dea bendata aiuterà o meno le italiane.

Leggi anche:  Fabio Miretti infortunato, ha lasciato il ritiro con la Nazionale Under 21

In Europa League per Napoli e Lazio da evitare assolutamente il Siviglia, che ha vinto le ultime due edizioni della competizione, ed il Borussia Dortmund. Da non sottovalutare neppure Valencia, Villarreal, Galatasaray, Fenerbahçe o Marsiglia. Ancor più rischioso il sorteggio per la Fiorentina che potrebbe incontrare uno fra  Manchester United, Liverpool, Porto, Tottenham, Schalke 04 o Bayer Leverkusen.

  •   
  •  
  •  
  •