Coppa Italia 2015-2016: le partite di gennaio

Pubblicato il autore: Domenico Margiotta

coppaitalia 


La Coppa Italia di quest’anno si sta dimostrando davvero divertente, come del resto tutto il campionato di Serie A Tim. Se si va a dare uno sguardo al tabellone, si notano nomi a cui non siamo stati abituati in questi anni: due su tutti, Alessandria e Spezia. La favola dell’Alessandria parte da lontano, dalla Lega Pro, girone A (attualmente la squadra è in seconda posizione ad un punto dal Cittadella). Ma anche storicamente si comincia da lontano, dal 1912. Mentre quella dello Spezia, parte da più vicino, dalla Serie B (la squadra è dodicesima a 25 punti). E proprio queste due favole si sfideranno nei quarti di Coppa Italia (la partita secca si giocherà lunedì 18 gennaio), perché alla fine della gara, almeno una di queste favole potrà continuare ad illuminare le fantasie e le notti invernali di una delle due tifoserie. Intanto, per queste vacanze di Natale, ambedue le tifoserie e le società potranno passare le feste fiduciosi che, sotto l’albero, Babbo Natale abbia qualcosa in serbo per loro, e di sicuro non si tratta di carbone, visto che la loro presenza nel tabellone farà si che se la giocheranno fino alla fine.

Leggi anche:  Nations League, dove vedere Ungheria-Italia streaming gratis e diretta TV

La prima partita in programma per i quarti, è la sfida tra il redivivo Milan e il Carpi (che ha battuto agli ottavi la Fiorentina per 1 a 0), che si giocherà mercoledì 13 gennaio. Insomma, il Milan è stato fortunato, visto che se le cose andranno come si pensa, la squadra rossonera potrebbe pregustare già da subito la finale di Coppa Italia, data la concorrenza non di livello. L’altro lato del tabellone cosi come l’altra faccia della luna, è completamente il contrario: ci sono infatti Inter e Napoli, Lazio e Juventus. Squadre a cui siamo ormai abituati, i top club della serie A. Il primo quarto di finale vede avversari il Napoli di Sarri contro l’Inter di Mancini, e martedì 19 gennaio ci sarà da divertirsi, visto che le due squadre sono avversarie dirette anche per la conquista del titolo a maggio. L’ultima partita del tabellone si giocherà mercoledì 20 gennaio, e vedrà affrontarsi senza esclusioni di colpi una Lazio ringalluzzita dalla vittoria sull’Inter in campionato, e una Juve che ha inanellato la settima vittoria consecutiva in campionato, contro un Carpi tutt’altro che arrendevole (andate a vedere il Bonucci show dei minuti di recupero della gara e l’Allegri versione Hulk con tanto di sfottò social).

Leggi anche:  “Da Allegri a Conte è cambiato tutto”, ecco chi ha detto queste parole

Insomma, se la parte sinistra del tabellone della Coppa Italia dimostra come i club più importanti non snobbano certamente la competizione nazionale (forse è anche il sintomo della qualità del nostro calcio, in questo momento non eccelsa), dall’altro lato vediamo squadre cosiddette minori che si giocano il tutto per tutto (per le tre squadre citate immaginiamo una partita da finale di coppa del mondo) in una competizione che finalmente accende i sogni di tutti, grandi e piccole, e di una coppa di fatto alla portata di tutti, dalla seria A Tim alle leghe minori.


  •   
  •  
  •  
  •