Higuain è il Napoli, l’Inter è squadra

Pubblicato il autore: Alessandro Ricci

Higuain_8
La partita di ieri sera tra il Napoli e l’Inter ha chiarito ancora una volta che chi ha tra le sue file un bomber vero può vincere molte partite e ambire a qualcosa di più. Vedendo e ammirando questo Higuain, ci viene da chiederci come mai il Real Madrid abbia scelto di puntare su Benzema e soprattutto su Bale; bene per il Napoli che non è nuovo nell’ingaggiare i giocatori più forti del mondo… Si perché Higuain è sicuramente il centravanti più forte: il momento che sta vivendo è d’oro, ha dato continuità alle giocate che già aveva fatto vedere; il primo gol di ieri sera era difficilissimo da eseguire, ma lui lo ha reso facile scaricando da posizione defilata e per altri impossibile un tiro fortissimo alle spalle di Handanovic. Il secondo gol è un mix di velocità, potenza e classe e non si può che ammirarlo, per chiunque ama il calcio e le prodezze.
Se è vero che Higuain è fortissimo, è anche vero secondo noi che Higuain è il Napoli, nel senso che le fortune della squadra di Sarri dipendono quasi esclusivamente dalle sue prodezze: lo testimonia il match con una Inter che, pur sotto di due gol e in dieci, ha giocato un grandissimo secondo tempo, sfiorando nei minuti finali il pareggio. L’Inter ha dimostrato di essere una squadra, di giocare da squadra e di saper reagire con quel gioco che quasi tutti gli imputavano di non avere.
La partita è stata bellissima, degna delle posizioni in classifica delle due squadre. E’ stata una bella vetrina per la seria a tanto criticata e sottovalutata anche da noi stessi. Il Napoli schiera l’attaccante più forte e dei validi comprimari che giocano per lui e ne viene fuori un primo tempo perfetto, in cui Higuain sfrutta cinicamente e perfettamente le due occasioni che ha, mentre l’Inter, schierata forse da Mancini con un modulo troppo difensivo e con un Icardi fantasma di se stesso, non riesce a controbattere.
Ma il secondo tempo vede una Inter diversa, sciolta, coraggiosa, una vera squadra, che alla fine avrebbe meritato il pareggio, non fosse altro per i due incredibili pali presi agli ultimi secondi della partita; Medel, Brozovic e Ljajic, solo per citare i più coinvolti nel gioco, hanno dato tutto senza mai perdere la lucidità nel creare gioco. Il Napoli, pur in superiorità numerica, è letteralmente sparito e ha rischiato molto il pareggio.
Higuain è il Napoli, l’Inter è squadra. Questa la nostra tesi finale e in forza di queste idee l’Inter dovrebbe recuperare lo svantaggio psicologico e di punti in classifica e lottare da assoluta protagonista per lo scudetto, anche perché avere una grande difesa è sempre il cardine su cui fondare una squadra per vincere, e l’Inter ha una difesa molto forte, soprattutto nei centrali Miranda e Murillo. Anche il Napoli lotterà fino alla fine, soprattutto grazie alle prodezze del suo fortissimo centravanti e a come la squadra riuscirà a giocare per lui.
Un bel campionato, che il Napoli e l’Inter si giocheranno, ma attenti alla Fiorentina e soprattutto al recupero della sorniona Juventus

Leggi anche:  Dove vedere Empoli-Milan, streaming e diretta Tv
  •   
  •  
  •  
  •