Il Chelsea esonera Mourinho: le possibili destinazioni dello Special One

Pubblicato il autore: Federico Montalto

dopo MourinhoCHELSEA ESONERO MOURINHO – Dopo una stagione e mezza, nella giornata di ieri si è conclusa l’avventura di Josè Mourinho sulla panchina del Chelsea. Dopo l’ennesima sconfitta, la nona in questo campionato, Roman Abramovich ha deciso di esonerare lo Special One: fatale la partita persa contro il Leicester del suo rivale in Italia, Claudio Ranieri. Adesso il Chelsea andrà alla ricerca di un nuovo allenatore per cercare di salvare una stagione fin qui fallimentare, nonostante la qualificazione agli ottavi di Champions League. In campionato i Blues si trovano al sedicesimo posto e Mourinho non è riuscito a dare la scossa giusta per invertire la rotta e risalire la china: in particolare al portoghese sembra essere mancata la giusta grinta per trascinare uno spogliatoio che è apparso quasi remare contro il suo condottiero. Toccherà al successore provare a infondere nuovo entusiasmo alla squadra, soprattutto a giocatori come Diego Costa ed Eden Hazard, quelli che hanno deluso più di tutti in questo avvio di stagione.

LA POSSIBILITA’ HIDDINK – Secondo i media britannici, il più accreditato per sostituire Mourinho sulla panchina del Chelsea sembra essere Guus Hiddink: allenatore di esperienza, chiamato spesso a risollevare le sorti di squadre in difficoltà. Al momento è il Ct della Nazionale australiana, ma l’olandese starebbe valutando la possibilità di firmare con il Chelsea. La Federazione australiana, nella giornata di oggi, ha addirittura annunciato il passaggio di Hiddink ai Blues con un Tweet, prontamente cancellato, ma sul sito ufficiale è ancora possibile leggere che “Hiddink, una leggenda dei Socceroos, è tornato per un secondo mandato a Londra”. Tuttavia l’olandese non sembra convinto della destinazione, tanto che il De Telegraaf, uno dei principali quotidiani olandesi, ha fatto sapere che Hiddink sarebbe intenzionato a vedere la prossima partita di campionato del Chelsea contro il Sunderland prima di prendere una decisione, per valutare meglio lo stato di salute della squadra.

IL FUTURO DI MOURINHO – Intanto, però, giornali e tifosi si interrogano sul futuro di Josè Mourinho. Sono tante le squadre che vorrebbero il portoghese, tante big pronte a cambiare rotta e a dare una nuova possibilità ad un allenatore che ha vinto tutto in carriera. Molti vedono il futuro dello Special One ancora in Inghilterra. In particolare, l’ipotesi più accreditata sembra il Manchester United: Louis Van Gaal non ha mai convinto i tifosi dei Red Devils ed è molto probabile un addio a fine stagione, con Mourinho pronto a subentrare. Un’ipotesi affascinante, soprattutto se si pensa che sulla panchina del Manchester City potrebbe finire Pep Guardiola, rivale storico del portoghese, in procinto di lasciare il Bayern Monaco. Possibile anche un passaggio al Psg, che darebbe a Mourinho la possibilità di conquistare titoli anche in Francia, dopo averlo fatto in Portogallo, Inghilterra, Italia e Spagna. Lo Special One ha dimostrato di non disdegnare i ritorni, per questo la vicenda legata al futuro di Mourinho potrebbe prendere risvolti clamorosi: alla finestra, infatti ci sarebbero anche Inter e Real Madrid. Due piste complicate: la prima perchè Roberto Mancini sta svolgendo un lavoro importante e Erick Thohir sarebbe intenzionato a concedere fiducia incondizionata al tecnico di Jesi; la seconda perchè Mourinho non ha lasciato un grande ricordo tra i tifosi blancos e anche Florentino Perez ha dichiarato di non pensare ad un ritorno del portoghese, nonostante l’avventura di Rafa Benitez al Real Madrid abbia praticamente i giorni contati.

  •   
  •  
  •  
  •