Il sorteggio, l’eterna paura italiana. Perché?

Pubblicato il autore: Francesco Moscato

Conte semifinale ok, ma perché non la finale Italia può dare fastidio a tutti
Il sorteggio di Parigi, effettuato ieri, ha dato il suo responso. L’Italia, è nel girone E con Belgio, Svezia, ed Irlanda. Girone non facile, ma nemmeno impossibile, pensando a quello spagnolo, davvero tosto. Ma si sa, in Italia, si fanno tragedie ad ogni evento, in ogni competizione, iniziando dal Torneo Berlusconi, fino ai Mondiali di calcio. Appena terminato, i media, telegiornali e siti di informazione, si sono scatenati, sulle poche possibilità, che ha la Nazionale di Antonio Conte, di passare il turno, o quantomeno, della speranza di arrivare tra le migliori terze (ne passeranno 4) che supereranno il turno. Esagerazione pura. Il pessimismo è alla base della critica verso qualsiasi competizione, o rappresentazione in cui l’Italia partecipa. Perché? Si temeva il girone di ferro. Si temeva la Francia (battuta ai Mondiali 2006 e negli Europei del 2008), la Germania, che ci considera come bestia nera in qualsiasi competizione si partecipi. Evitata la Spagna, il Portogallo. E’ arrivato il Belgio, forse la nazionale più in forma di questo momento.Ma ricordiamoci, che l’Italia ha cinque titoli iridati da vantare, le avversarie nel nostro girone, nemmeno uno. Pensiamo quindi, che siano loro, a temere il nome dell’Italia, no? Ma si sa, qui, si parte sempre col freno tirato, troppo tirato. La paura fa 90, e ieri, al momento del sorteggio, ne abbiamo avuto la prova. Appuntamento al 13 giugno.

Leggi anche:  Serie C, dove vedere Avellino-Potenza streaming LIVE e diretta TV: Rai Sport o Eleven Sports?
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: