Incredibile in Argentina: errore grottesco nel conteggio dei voti alle elezioni dell’AFA

Pubblicato il autore: Gennaro Esposito

Afa
Ha dell’incredibile quanto accaduto in Argentina durante le ultime elezioni per il nuovo presidente dell’AFA. A causa di un errore nel conteggio complessivo dei voti, le preferenze totalizzate sono state 76 al posto delle 75 effettive. Le conseguenze, ovviamente, sono state serie: entrambi i candidati infatti, Marcelo Tinelli (presidente del San Lorenzo) e Luis Segura (presidente dell’Argentinos Juniors) hanno ricevuto 38 voti, andando così a costituire un’assurda quanto grottesca parità.
I due rivali si sono dichiarati “molto sorpresi, è una cosa stranissima che si arrivi in parità. Davvero incredibile. Non ci era mai successo di assistere a una situazione di questo tipo, c’è stato un evidente errore nella votazione.”
L’elezione dovrà per forza di cose essere ripetuta a causa di questo clamoroso errore di valutazione. L’ipotesi che sta prendendo piede nelle ultime ore è quella di creare una lista unica che possa unire entrambi i candidati: si parla di Daniel Angelici, patron del Boca Juniors.
L’Argentina non è nuova a questo tipo di situazioni: memorabile l’episodio che ha visti protagonisti i presidenti di Atlanta ed Excursionistas, Gabriel Grecco e Angel Lozano. Il primo dichiarò che “il mio collega si è dimesso“, mentre il rivale, seduto vicino a lui, ha replicato con un secco “non è vero“.

Leggi anche:  Cagliari: il progetto Liverani rischia già di naufragare. Sarà comunque esonero?
  •   
  •  
  •  
  •