La Fiorentina passeggia al Franchi e va in vacanza soddisfatta

Pubblicato il autore: Alessandro Ricci

Fiorentina's forward from Croatia Nikola Kalinic (R) celebrates after scoring during the Italian Serie A football match Fiorentina vs Empoli at the Artemio Franchi Stadium on November 22, 2015 in Florence.   AFP PHOTO / FILIPPO MONTEFORTE        (Photo credit should read FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images)

Quella di oggi al Franchi tra la Fiorentina e il Chievo è stata una tipica partita positiva della Fiorentina di questo anno, una partita in cui i giocatori della Fiorentina fanno sembrare tutto facile, compreso segnare due gol uno dietro l’altro chiudendo il match nel primo tempo. E poi la Fiorentina letteralmente passeggia contro un Chievo impotente di fronte al suo palleggio per gli avversari snervante.
Ma la partita significava molto e, per quanto la squadra di Paulo Sosa abbia fatto sembrare tutto facile, vincerla era di fondamentale importanza, per andare alla pausa sicuri delle proprie possibilità e potenzialità, dopo che si erano intaccate nelle ultime uscite, soprattutto con la sconfitta contro la Juventus. Già proprio la Juve, squadra odiata e mai doma che piano ha risalito tantissime posizioni per insidiare la Fiorentina, che da parte sua può e deve mantenere questo livello di gioco: può e deve farlo perché come ha detto Andrea Della Valle la squadra è buona, l’allenatore è buono e lui, il presidente. è ottimo… Finire davanti la Juve sarebbe una grande soddisfazione, ma fin quando la Fiorentina non si affrancherà da un sotterraneo senso di inferiorità non potrà tornare a vincere, anche contro la Juve certamente, ma soprattutto a vincere qualche titolo.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Addio a 5 giocatori: la Juventus punterà sui giovani, non rinnoverà alcuni contratti