La Lazio pesca il Galatasaray dall’urna di Nyon

Pubblicato il autore: Domenico Margiotta

europa league


La Lazio affronterà il Galatasaray nei sedicesimi di finale di Europa League. La squadra di Pioli affronterà la quarta forza del campionato turco, scivolata in Europa League dalla fase a gironi della Champions League, chiudendo il cammino alle spalle dell’Atletico Madrid e del Benfica. Una squadra capace di segnare molto, ben 40 gol nelle 21 sfide stagionali, ma pure di subire parecchio, niente meno che una rete ogni 67 minuti di gioco. Tra gli elementi più conosciuti, spiccano l’ex portiere laziale Muslera, gli ex interisti Sneijder e Podolski, Burak Yilmaz, Selcuk Inan e il campione del mondo tedesco Grosskreutz. Come si sa, in Turchia l’ambiente è storicamente molto caldo, e i 50.000 tifosi del Nuovo Alì Samì Yen sono di certo una delle risorse della squadra.

 

Intervenuto ai microfoni di Tuttomercatoweb, il direttore sportivo della squadra turca Cenk Ergun ha espresso il suo pensiero sul verdetto del sorteggio di Nyon: “Biancocelesti in crisi? Giocare contro squadre italiane è sempre difficile, in coppa poi sono temibili. L’ultima partita contro la Lazio l’abbiamo giocata all’Ali Sami Yen. La prima gara sarà in casa e speriamo di vincere. Muslera ha giocato nella Lazio, conosce l’Italia, per noi è molto importante, staremo a vedere”. Al canale ufficiale del club, ha poi parlato anche il tecnico dei turchi Mustafa Denizli: “È capitata un’italiana, ma poteva uscire chiunque. La Lazio è una buona squadra, ma noi con le italiane siamo fortunati. Nel 2013 abbiamo vinto addirittura contro la Juventus. Scenderemo in campo il 18 febbraio, speriamo di avere una condizione migliore”.

 

Leggi anche:  Cagliari: due defezioni contro il Genoa, ecco le scelte di Liverani

Ai microfoni di Tuttomercatoweb ha parlato Angelo Gregucci, ex biancoceleste e attuale allenatore dell’Alessandria: “È un avversario di prestigio da rispettare. È una gara equilibrata, ma possiamo giocarcela. Resta da vedere a febbraio come sarà messa la Lazio, servirà non sbagliare la gara di Istanbul perché lì l’ambiente carico gioca un ruolo importante. Dovremo vedere in che momento arriveranno i biancocelesti, spero vada bene anche per il ranking UEFA delle italiane. I turchi sono un’ottima squadra, di grande storia, ma sicuramente alla portata”.

 

La Lazio non è stata poi cosi sfortunata, visto che la squadra turca non sta brillando in campionato ne in Europa. Ma gli uomini di Pioli non possono di certo dire di stare meglio. La Lazio, che ha comunque passato il girone primo con 14 punti (seguita dal Saint-Etienne a 9), con 13 gol fatti e 6 subiti, di certo non sta vivendo un momento cosi felice in campionato. Infatti, i biancocelesti (che stasera affronteranno la Sampdoria a Roma) sono al momento dodicesimi con 19 punti, e vantano 17 gol fatti e 24 subiti. È sicuramente il momento più basso della gestione Pioli, che ha dovuto lavorare per restare in Champions e affrontare la partita di preliminari per entrare di diritto nella fase a gironi, non ha di certo avuto aiuti dal presidente Lotito, che invece di prendere sul mercato gente di valore e caratura internazionale, ha tenuto braccino corto e cosi la sua squadra sta sprofondando sempre più in basso. Staremo a vedere cosa succederà nelle prossime gare di campionato, come la Lazio arriverà alla sfida Europa League e se il mercato di gennaio porterà regali sotto l’albero biancoceleste.

  •   
  •  
  •  
  •