Lazio, Pioli in un mix di disagio e tormento: “Le responsabilità sono tutte nostre”

Pubblicato il autore: Ilaria Ceracchi

during the Serie A match between SS Lazio and Juventus FC at Stadio Olimpico on November 22, 2014 in Rome, Italy.

I termini crisi, disastro e imbarazzo sono, senz’altro, quelli più idonei a descrivere il momento che sta vivendo la Lazio in queste ore. È dal 25 ottobre che non si centra una vittoria in campionato. Dopo quel 3-0 in casa contro il Torino, il vuoto e il disagio. Sì, il disagio e la confusione, questo si percepisce dalle prestazioni dei biancocelesti nell’ultimo mese e mezzo. Ed è  questo che traspare dagli occhi e dalle parole di Stefano Pioli a partire dal pareggio con il Palermo in casa, dopo una partita a dir poco insufficiente e priva di contenuto e idee della Lazio.

Ieri sera 20,45, stadio Olimpico: Lazio-Juventus. La sfida che avrebbe dovuto rilanciare la Lazio, una dura prova ma certamente stimolante per Pioli e i suoi ragazzi. Una partita importante più per il morale che per i 3 punti, seppur vitali in questo momento per i biancocelesti. Si doveva puntare alla vittoria, vincere era l’imperativo. Macché, solo chiacchiere, chiacchiere e, ancora, chiacchiere. Ok, mister Pioli e seguito, la Juventus è un avversario ostico e difficile da gestire, ma ieri sera hanno passeggiato e Buffon avrebbe potuto sedersi tranquillamente in porta, magari con un bel pacco di Pop-Corn, a gustarsi la quinta vittoria consecutiva.

Leggi anche:  Olanda-Belgio, streaming e diretta tv Sky o Mediaset? Dove vedere Nations League

Quella di Stefano Pioli non sarà stata, di certo, una notte tranquilla e senza incubi. Ieri sera scattava l’ultimatum per la panchina. Dalle voci indiscrete che circolano fra i media, sarebbe già pronto il post Pioli: ieri sera l’ex ct della Nazionale, Marcello Lippi era presente allo stadio. Forse stava, già, valutando l’arduo lavoro che gli spetterebbe a Formello, data la valanga di errori messi in campo dai capitolini? In difesa, credo, che dovranno essere compiuti dei veri e propri miracoli.

Nel post partita il tecnico biancoceleste ha rilasciato una dichiarazione ai microfoni di Lazio Style Channel: “Adesso dobbiamo continuare a lavorare. L’organizzazione deve essere migliore, siamo stati troppo lenti e ci siamo mossi poco per creare difficoltà alla Juventus. È chiaro che giocare significa anche sbagliare, però è altrettanto vero che dobbiamo diminuire gli errori. Non si possono subire due gol con un solo tiro in porta degli avversari. Bisogna essere concentrati dall’inizio. Non c’è scritto da nessuna parte che nei primi minuti dobbiamo andare sempre sotto. Dovevamo attaccare di più le le profondità e avere situazioni in più tra le linee contro una squadra compatta, più forte e che in questo momento sta bene fisicamente. Purtroppo i risultati negativi consecutivi tolgono la fiducia ai ragazzi. Le nostre responsabilità ci sono e sono tutte nostre. Una reazione come quella di Biglia al termine della partita è una cosa realista, ci sta, dimostra che ci tengono”.

Un’ulteriore dichiarazione del ct, Stefano Pioli è stata riportata da Sky Sport. Il mister si sofferma su un possibile e tanto discusso cambio di panchina in casa Lazio: “Io in discussione? Non lo so, non dipende da me, io posso solo lavorare per fare di più. Si è persa tanta fiducia e questo non aiuta. Siamo in difficoltà, ma serve rimanere lucidi e cercare di ripartire. Tutti noi possiamo fare di più”.

  •   
  •  
  •  
  •