Lotito risponde ai tifosi: “Ma andate a..”

Pubblicato il autore: Simone Braconcini

0d2614a8-9ad9-11e5-9b95-325075853cb1_43_lCaos Lazio. Ottava sconfitta in campionato, un solo punto nelle ultime sei sfide. E scoppia la contestazione dei tifosi. Brutta serata per il presidente Claudio Lotito, ieri sera all’Olimpico. Il numero uno della Lazio è stato fatto oggetto di numerosi cori di contestazione da parte dei tifosi della Lazio. Stavolta il presidente, con la sua squadra già sotto per 0-2, si è lasciato andare ad un gesto di stizza nei confronti dei tifosi, accompagnato da un chiarissimo labiale: è l’ottavo minuto della ripresa quando dalla curva nord si alza il perentorio grido “Lotito, Lotito, la senti questa voce?”, accompagnato poi dal tradizionale e fragoroso insulto. Il Presidente reagisce con un eloquente gesto della mano e dal suo labiale si legge: “Ma andate a…”, con un finale di frase molto duro e colorito. I presidente manda a quel paese i suoi tifosi. Da segnalare che anche i sostenitori bianconeri hanno intonato all’indirizzo di Lotito lo stesso coro e sono stati applauditi da parte della tifoseria laziale presente ieri sera all’Olimpico.

Leggi anche:  Calendario Serie A 2022-23, dove vedere dalla 6a alla 16a giornata in tv

Per Lotito e la Lazio sono ore difficili. Il presidente è furibondo per l’ennesima sconfitta in campionato ed è pronto a prendere provvedimenti. L’allenatore Stefano Pioli è in bilico. Per Lotito, quella di ieri, è stata una serata davvero amara. Non si aspettava che anche difronte alla crisi più nera, parte del pubblico, invece di pensare alla squadra, si potesse rivolgere a lui per contestarlo. Lotito in questi ultimi mesi ha scelto il silenzio. Non interviene pubblicamente e non rilascia interviste. Il suo pensiero è affidato solo a brevi comunicati ufficiali. Lotito è perplesso. Come se non bastasse la crisi senza fine in cui sembra finita la sua Lazio, il presidente è anche contrariato da alcune decisioni arbitrali che, ultimamente, hanno penalizzato la squadra. Si dice che già negli scorsi giorni si sia fatto sentire con Marcello Nicchi. E che Lotito abbia affrontato il dirigente arbitrale con parole chiare e toni netti. Così come hanno cercato di fare, nelle loro dichiarazioni recenti, sia il ds Tare sia l’allenatore Pioli.

Leggi anche:  Serie B, probabili formazioni Cagliari-Venezia: le scelte di Liverani e Javorcic

La Lazio è convinta che, tra i motivi della crisi, oltre ad una preoccupante involuzione tecnica, vi sia anche dell’altro. E ha chiesto alla classe arbitrale una maggiore attenzione e serenità negli arbitraggi.

Queste intanto sono ore decisive per Pioli. Il tecnico emiliano ieri negli spogliatoi è apparso molto deluso, quasi rassegnato. Viso stanco e tirato. Non la solita baldanza di sempre. Per lui è un momento delicato. Pioli non sa spiegarsi il motivo di questa autentica involuzione di gioco.

Lotito sta studiando la situazione. Si attende da un’ora all’altra una presa di posizione da parte della società. Anche gli appelli della dirigenza ad un maggiore impegno sembra che non siano stati recepiti dalla squadra. Che, alla prima difficoltà, sembra non avere più la forza di reagire.

Leggi anche:  Dove vedere Chelsea Milan di Champions League, Amazon Prime o Sky?

Ieri, una serata storta anche per il presidente Lotito. Con tutti i tifosi che gli urlavano contro. E con lui che, per un attimo, preso dal nervosismo, ha reagito. Sono ore calde a Formello. Il peggior periodo della storia recente della Lazio.

  •   
  •  
  •  
  •