Maccarone show..Big Mac non si ferma più!

Pubblicato il autore: Alessandro Paroli

Maccarone

E’ sicuramente il calciatore del momento. Con quella corsa che lo ha portato a bordo campo, tra i suoi amici, a bere un sorso di birra per festeggiare il gol del 1-2 in casa del Bologna, l’attaccante dell’Empoli Massimo Maccarone si candida senza dubbio per l’esultanza dell’anno. Già me li vedo i programmatori di Fifa 17  ad inserirla tra le esultanze del videogame di calcio più popolare, come è stato quest’anno con il selfie di Francesco Totti dopo la rete nel derby della passata stagione.

Big Mac, questo il soprannome di Maccarone, sta vivendo un periodo magico e con lui, ovviamente, anche l’Empoli di Giampaolo. Molti commentatori, ad inizio stagione, davano la squadra azzurra come una delle candidate alla retrocessione. Troppi i cambi rispetto alla bella stagione che si era appena conclusa, su tutti il grande timoniere Maurizio Sarri, partito per la grande occasione della carriera in terra napoletana. Ma non solo lui: Hysaj, Valdifiori, Rugani. A tirar avanti la carretta erano rimasti “solo” Saponara e appunto Maccarone; e visto l’inizio di stagione non parevano essere sufficienti per garantire alla squadra toscana una tranquilla permanenza  in serie A. Ma arrivati alla sosta natalizia, il vento è decisamente cambiato: l’Empoli, con 26 punti, è sesto in classifica davanti al Milan, davanti al Torino e alla Lazio, per citarne alcune. Davanti ci sono Roma, Fiorentina, Napoli, Juve e Inter, l’elite del calcio italiano.

Leggi anche:  Dove vedere Pontedera-Siena, streaming e diretta Tv

E in questa macchina che è tornata a giocare così bene e a fare punti, Massimo Maccarone ha un ruolo fondamentale. Se Riccardo Saponara è la mente, l’illuminazione, la fantasia, Big Mac è tutto il resto. E’ il braccio armato, è la concretezza, è la ferocia agonistica. 7 gol fino ad ora, due doppiette nelle ultime due giornate che hanno significato lo sprint in classifica, Maccarone vive, a 36 anni, uno dei momenti migliori della carriera. Deve essere comunque l’aria toscana che fa dare all’attaccante piemontese il meglio di sé: non solo Empoli per Big Mac, squadra in cui ha militato anche in serie B dal 2000 al 2002, ma anche Prato in C2 e soprattutto Siena, dove ha fatto registrare il suo record di marcature in serie A: 13. Maccarone se lo ricordano bene anche oltre Manica, dove ha giocato  nel Middlesbrough, segnando 24 reti in 102 partite e meritandosi il soprannome storico di Big Mac, che lui adora come ha più volte dichiarato, facendoselo anche tatuare.

Leggi anche:  Inter, quanti infortuni: con la Roma grattacapi per Inzaghi

Insomma, una bella storia e una bella carriera quelle di Massimo Maccarone, professione attaccante. Dopo le 10 reti della passata stagione con il Sarri Show, le sette di questa con Giampaolo. Big Mac non pare volersi fermare, anche perché il suo Empoli va a tutta birra. E lui, di birra se ne intende! Cheers!

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: