Scroll to Top
HOT

Messi, botte all’aeroporto coi tifosi del River. Colpito, reagisce: è rissa

Pubblicato il autore: Simone Braconcini

7hwy9bxv8pek5our4t8zzp9x6
Episodio quasi senza precedenti all’aeroporto internazionale di Narita, a Tokyo. Lionel Messi, fresco vincitore della Coppa del Mondo per club con il suo Barcellona, è stato coinvolto in una vera e propria rissa con alcuni tifosi del River Plate. Qui, mentre con la squadra si stava accingendo a prendere l’aereo di ritorno per la Spagna, Messi è stato aggredito da un gruppo di ultras del club argentino che hanno iniziato a insultarlo pesantemente.

Un tifoso del River, tra i più violenti, avrebbe avvicinato Messi, fin quasi a toccarlo.  Su Messi a quel punto sarebbero piovuti altri insulti e anche qualche sputo. Messi, furioso, pare abbia reagito fisicamente, cercando di farsi giustizia da solo.  La polizia, il cui lavoro è stato reso difficile dall’incredibile ressa che si stava creando, a questo punto, ha bloccato l’aggressore. Messi e il tifoso sono stati divisi anche dall’intervento dell’allenatore Luis Enrique e di Javier Mascherano che lo hanno trattenuto e difeso da queste vera e propria aggressione. Anche Suarez sembra sia intervenuto per proteggere il compagno. Ma non finisce qui. Lo stesso Mascherano, cresciuto proprio nel River Plate, sarebbe stato insultato dai tifosi argentini e accusato di essere un “traditore”.

Leggi anche:  Serie B, probabili formazioni Bari-Brescia: le scelte di Mignani e Clotet

Calma ristabilita a fatica dopo una decina di minuti. Sta di fatto che ai tifosi del River Plate non è andata proprio giù la sconfitta in finale contro il Barcellona. E non hanno trovato di meglio da fare che scaricare le responsabilità di questa debacle su Leo Messi, loro connazionale davvero poco amato.

Un brutto episodio sul quale la polizia giapponese indagherà, nel tentativo di risalire all’identità dei tanti aggressori del gruppo catalano. Il Barcellona è poi riuscito a prendere l’aereo ma di certo l’umore non era dei migliori. Una violenza inaudita e senza senso ha, in parte, rovinato la festa dei blaugrana, rientrati comunque a Barcellona con una gran bella coppa in tasca.

  •   
  •  
  •  
  •