Mondiale per Club – La finale sarà River Plate – Barcellona

Pubblicato il autore: lorenzo caruso

rodrii_dela27_20150812_0202_Barcelona-River-ganadores-martes_OLEIMA20150811_0239_14.jpg_1151390924


Come ogni anno, nel mese di Dicembre si sfidano i campioni dei rispettivi continenti calcistici per decretare quella che  diventerà di fatto considerata, almeno sulla carta, la squadra più forte del mondo.
Inutile dire che il livello delle competizioni internazionali è molto differente, i soldi, la preparazione tattica e anche quelli che sono i risvolti storici legati al calcio ci fanno protendere senza ripensamenti verso l’Europa, rappresentata quest’anno dal Barcellona, squadra detentrice della Champions League 2014-15 vinta nella finale di Berlino contro la Juventus. Tradizionalmente, le compagini più preparate, al di là del contesto europeo, sono le squadre provenienti dal Sud America, non è un caso tra l’altro che fino al 2004 la denominazione di tale torneo fosse ” Coppa Intercontinentale “, alla quale potevano partecipare solamente la vincitrice della massima competizione per club europei, vale a dire, in italiano, la Coppa Campioni e l’ equivalente manifestazione per club sudamericani, ancora oggi conosciuta con il nome di ” Copa Libertadores “. L’ultima edizione dell’allora Intercontinentale , viene giocata nel 2004 in un match unico, a Yokohama tra i portoghesi del Porto ed i colombiani dell’Once Caldas, match finito 0 a 0 e terminato con il risultato finale di 8 a 7 in favore del Porto solamente dopo i calci di rigore.
Dal 2005 in poi, la FIFA, trovando un accordo di sponsorizzazione con Toyota, decide di cambiare la denominazione della competizione, trasformandola in un vero e proprio torneo ad eliminazione che vede protagoniste le compagini vincenti di ogni continente. Senza entrare troppo nel dettaglio diciamo che, nelle 9 edizioni giocate fino ad ora le vincitrici del Mondiale per Club sono state le seguenti: San Paolo nel 2005 in finale contro il Liverpool, Internacional de Porto Alegre nel 2006 contro il Barcellona, nel 2007 il Milan si impone nella finale per 4 a 2 contro il Boca Juniors, 2008 con la vittoria del Manchester United per 1 a 0 contro la LDU Quito, nel 2009 vince di nuovo il Barcellona contro l’Estudiantes, l’anno seguente per la seconda volta, vince un’italiana, vale a dire l’Inter, in finale contro i congolesi del TP Mazembe ( per la prima volta non c’è in finale uno scontro  tra una compagine europea ed una sudamericana ), nel 2011 per l’ennesima volta il Barcellona porta a casa il trofeo vincendo la finale per 4 a 0 contro i brasiliani del Santos, nel 2012 ad imporsi è il Corinthians per 1 a 0 ai danni del Chelsea, poi sia l’edizione 2013 che quella 2014 vedono la vittoria di due europee, vale a dire, in ordine cronologico, il Bayern Monaco in finale contro il Raja Casablanca ( per la seconda volta nella storia abbiamo una finale tra una europea ed una squadra africana ) ed il Real Madrid contro gli argentini del San Lorenzo. In sintesi, abbiamo 7 vittorie da parte delle europee e 3 per i sudamericani. Anche quest’anno la storia si ripete, la finale sarà Barcellona – River Plate, non ce ne vogliano gli argentini ma se è vero che a vincere è il più forte, non ci dovrebbero essere molti dubbi su chi alzerà la Coppa del Mondo per Club sotto il cielo di Yokohama la sera del 20 Dicembre 2015.
Rispettivamente, in semifinale, il River ha superato per 1 a 0 i giapponesi del Sanfrecce Hiroshima, invitati a partecipare al torneo come detentori del campionato di calcio giapponese ( l’usanza è che la squadra campione del paese che ospita il Mondiale per Club, debba partecipare in aggiunta ai detentori di ogni competizione continentale ). Allo stesso tempo, il Barcellona, ha battuto senza troppi patemi, per 3 a 0, il Guangzhou Evergrande, squadra pentacampione cinese e detentrice della Asian Champions League, inoltre allenata dall’ex tecnico di Chelsea e nazionale di calcio brasiliana, Felipe Scolari. Tra le altre partecipanti di questa edizione, già eliminate, abbiamo: il TP Mazembe ( campione d’ Africa ), i messicani del Club de Futbol América ( vincitori della CONCACAF Champions Cup – vale a dire la Champions League del Centro America ) ed infine Auckland City FC, detentore della Coppa Campioni del continente oceanico.
Anche quest’anno, il Mondiale per Club non ci ha riservato delle grandi sorprese, come da copione, le più forti si sono dimostrate la squadra europea ( che a meno di sorprese alzerà il trofeo ) e la compagine sudamericana.
Di una cosa possiamo esser certi, sempre più soldi vengono investiti ogni anno nel calcio, sia dalle federazioni che dai vari club asiatici, sia dalla Major League Soccer, campionato americano legato alla Coppa Campioni del Centro America. Questi dati ci fanno pensare che da qui a poco il livello generale di tali campionati si alzerà sempre più, nonostante ciò, parlare di un avvicinamento agli standard europei sembra ancora oggi essere un’utopia. Non ci rimane altro che attendere. Nel frattempo, l’unica sicurezza è la data del 20 Dicembre 2015, quando, alle ore 19:30 giapponesi, nell’ International Stadium di Yokohama, Barcellona e River Plate si contenderanno il titolo di squadra più forte del Mondo. Non resta dunque che dirci : ” arrivederci “, anzi, dato che la finale si gioca nel paese nipponico, diremo : ” Jaa mata “.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Romania-Bosnia, streaming e diretta tv Sky o Mediaset? Dove vedere Nations League