Montella: “Palermo? Squadra ben organizzata”

Pubblicato il autore: Gianfranco Mairone

Sampdoria-Montella

Domani alle 18 a Marassi andrà in scena un’inedita sfida salvezza tra la Sampdoria e il Palermo. Da poco è terminata la conferenza stampa del tecnico dei genovesi Vincenzo Montella, ecco le sue dichiarazioni:

La sfida di domani contro il Palermo: “La squadra è cresciuta molto. Ci vuole molto pazienza ma la strada è quella giusta. Si vive con le pressioni, tutte le partite vanno giocate al massimo”.

Dopo il gol segnato all’Olimpico il gruppo ha dato una risposta importante: Contro la Lazio s’è visto che il gruppo c’è, questa deve essere però soltanto la base per partire. Abbiamo giocato tre partite in sei giorni, la squadra sta dando segnali importanti, ma adesso bisogna pensare solo alla partita di domani. Col Palermo sarà una sfida difficile”.

Leggi anche:  Champions League, probabili formazioni Juventus-Maccabi Haifa: la scelta su Di Maria

Nel primo tempo col Milan s’è vista la Samp migliore?: “A me la squadra a Roma contro la Lazio è piaciuta molto per la sua mentalità difensiva. Vedo una squadra compatta, ma c’è ancora molto da lavorare”.

Come stanno Barreto e Silvestre? Eder può giocare?: “Mi sarei augurato l’impiego di tutti e tre perché sono molto importanti, ma sarà difficilissimo vederli domani”.

Il prossimo passo è provare a passare in vantaggio: “Ma il vantaggio devi conquistartelo. Come detto, però, la squadra è in crescita”.

Cosa sta cambiando?: “La squadra è molto più corta e compatta, a prescindere dagli uomini e dai giocatori questa squadra ha bisogno di proporre la sua compattezza con continuità”.

E’ soddisfatto di quanto fatto da Muriel in Coppa Italia?: “A me piace poco parlare dei singoli. Muriel lo conoscete, può fare di più e io sono qui per aiutarlo. Ci metterò tutte le mie energie”.

Leggi anche:  Dove vedere Roma Real Betis di Europa League, TV8, Sky o DAZN?

Quali sono le insidie per domani?: “Affronteremo un Palermo che ha trovato un suo assetto e una sua continuità, una squadra ben organizzata che sa colpire in contropiede e ha giocatori importanti. ci sarà bisogno di giocare con grande intelligenza”.

Come mai Rodriguez gioca poco?: “E’ una scelta, in questo momento non possiamo permetterci di avere tanti attaccanti e si è puntato su Muriel e Cassano. Il ragazzo, quando sono arrivato, non aveva una condizione fisica idonea, ma ora è in forma. In Coppa abbiamo puntato su Bonazzoli perché ha caratteristiche diverse, gioca sull’esterno, mentre Rodriguez è una prima punta classica”.

Psicologicamente come sta caricando i suoi ragazzi?: “Dobbiamo scendere in campo con la giusta fame di vittoria, domani affronteremo un avversario molto pericoloso”.

  •   
  •  
  •  
  •