Premier League, se il Leicester cade, l’Arsenal sprofonda: tutti i risultati del Boxing Day!

Pubblicato il autore: Livio Cellucci

Southampton v Arsenal - Barclays Premier League
Se Atene piange, Sparta non ride: sembra essere questa la morale che ci lascia la 18esima giornata di Premier League, con gli incontri del Boxing Day, nel giorno di Santo Stefano. Il Leicester è infatti incappato nella sua seconda sconfitta stagionale contro il Liverpool ma l’Arsenal, la sua più diretta concorrente per il primato in Premier, non è riuscita ad approfittare del passo falso della squadra di Ranieri, anzi: i Gunners si sono fatti sommergere con un perentorio 4-0 dal non trascendentale Southampton, consentendo così al Leicester di rimanere da solo al comando della Premier, nonostante lo scivolone di quest’oggi all’Anfield Road. Tra le altre notizie di rilievo del Boxing Day poi c’è da segnalare anche la situazione sempre più critica del Manchester United e del suo allenatore Van Gaal (ormai sempre più ad un passo dall’addio) ed il pari con più ombre che luci del Chelsea, fermato dal Watford. Ma andiamo con ordine.
Il primo scossone del Boxing Day arriva subito, dopo il primo incontro della giornata tra Stoke City e Manchester United: i Red Devils ancora una volta mostrano tutti i loro limiti di tenuta fin dall’inizio ed incassano un secco 2-0 in soli 26 minuti dai biancorossi di Hughes. In goal l’ex milanista Bojan Krkic e l’ex interista Arnautovic, potremmo quasi dire una sconfitta ”alla milanese” per il blasonatissimo club di Manchester. Davvero bello poi il siluro del 2-0 di Arnautovic, attaccante che è diventato un vero e proprio giustiziere delle ”grandi”: dopo aver già segnato infatti sia al City che al Chelsea, stavolta è stato lo United a dover vestire i panni della vittima di turno. La sconfitta del Britannia Stadium ha poi messo in luce tutte le mancanze della squadra di Van Gaal, già eliminata dalla Champions ed ora anche alla terza sconfitta consecutiva in campionato, la seconda tra l’altro contro una squadra neopromossa. Ma a sorprendere in negativo quest’oggi è stata proprio la pochezza dei mancuniani: basti pensare che la prima vera azione d’attacco manovrata dei Red Devils è arrivata soltanto al 64° minuto… La situazione del tecnico olandese oramai è sempre più critica, tanto che oltremanica Van Gaal ora viene piuttosto ribattezzato come ”Van Gone”… A questo punto per LVG diventa sempre più decisiva la gara di domani, lunedì 28, all’Old Trafford contro il Chelsea. Mentre il nome di Mourinho risuona sempre più forte…

Leggi anche:  Premier League, Crystal Palace-Chelsea: dove vederla in TV e streaming
Passando poi alle gare delle 16:00, su tutte come già detto spicca la sconfitta del Leicester, capolista della Premier: la squadra di Ranieri non ha espresso quest’oggi il suo calcio migliore ed al 63′ è stata poi piegata dal goal decisivo di Benteke, vero bomber d’area al servizio del Liverpool. Può così esultare Jurgen Klopp: i suoi Reds tornano a fare paura alle grandi e si riportano in classifica a soli 2 punti dallo United ed a 3 dal Crystal Palace. Già, perchè anche le Aquile londinesi infatti non sono incappate nella loro giornata migliore e si sono fatte fermare sullo 0-0 dal Bournemouth.
Chi invece nel pomeriggio ha approfittato del passo falso del Leicester è il Manchester City: la squadra di Pellegrini in casa ha ”asfaltato” il malcapitato Sunderland, con un secco 4-1 che non lascia spazio a repliche. L’esito della gara si è facilmente intuito fin dai primi minuti: al 13′ Sterling ha messo subito le cose bene per i Citizens, dopodichè ci ha pensato Yaya Tourè a firmare il raddoppio con un bellissimo sinistro da fuori area 5 minuti dopo; trascorsi poi altri 4 giri di lancette, l’ivoriano Bony ha calato anche il tris su un match chiuso ed archiviato già al minuto 22 di gara; infine le ultime 2 segnature della gara sono di De Bruyne e dell’ex romanista Borini, con quest’ultimo che al 58′ ha segnato il goal della bandiera per il Sunderland. Con questa vittoria ora i mancuniani sono a -3 dal Leicester e la faccenda per loro si fa assai interessante…
Non si può dire lo stesso invece per il Chelsea di Hiddink, che questo pomeriggio non è riuscito ad andare oltre il 2-2 casalingo contro il Watford: Diego Costa ha aperto le marcature per i Blues, che poi però si sono complicati terribilmente la vita da soli: Deeney su rigore ha riportato in parità il match e l’ex udinese Ighalo, con la deviazione involontaria di un difensore del Chelsea, ha ribaltato la situazione in favore del Watford, solo parzialmente riequilibrata dal goal finale dei Blues, ancora di Diego Costa, tra l’altro in dubbio offside.
Sorride invece un’altra squadra di Londra, e parliamo del Tottenham: uno scatenato Harry Kane si abbatte sul Norwich con due reti (di cui una su rigore) che spianano la strada agli Spurs. Di Carroll la terza marcatura che chiude il match del White Hart Lane. Vittoria di misura invece per lo Swansea, che ha superato il West Bromwich per 1-0 grazie al goal del sudcoreano Ki Sung-Yueng. Chiudiamo la carrellata sulle gare delle 16:00 col pareggio per 1-1 tra Aston Villa e West Ham: vanno in vantaggio gli ospiti con Cresswell allo scadere del primo tempo, nella ripresa il ghanese Jordan Ayew ha poi pareggiato al 65′ su calcio di rigore.
Nell’unico incontro delle 18:30 è arrivato l’importante successo esterno dell’Everton, che ha espugnato il St James’ Park al minuto 93: Cleverley ha gelato Newcastle, regalando 3 punti d’oro ed ormai insperati ai Toffees, che guadagnano così posizioni in classifica.
Una sorta di aperitivo sfizioso della Premier, in attesa del posticipo serale tra Southampton ed Arsenal: la squadra di Wenger, forse poco concentrata e troppo euforica per la sconfitta del Leicester, si dev’essere evidentemente dimenticata che tra lei e la vetta c’era un ”piccolissimo ed insignificante” particolare: bisognava battere al St Mary la squadra di Ronnie Koeman. Peccato per loro però che i Saints non fossero affatto dello stesso avviso: i biancorossi infatti hanno sfoderato una grandissima prestazione ed hanno mandato a picco i Gunners con un secco e spietato 4-0. Ad aprire le marcature ci ha pensato Cuco Martina con un gran goal da fuori area, dopodichè una doppietta di Long ed un goal di Fonte hanno messo in ridicolo la prosopopea dei Gunners.
Alla luce dei risultati odierni, la situazione in classifica dunque non cambia molto: comanda sempre il Leicester, con l’Arsenal ancora alle spalle; si avvicinano City e Tottenham, con lo United che invece scivola in sesta posizione. Turno favorevole anche per le due squadre di Liverpool, mentre in coda invece si mette malissimo per Chelsea e Newcastle, rispettivamente al sestultimo ed al terzultimo posto della Premier League.

Ma domani sarà di nuovo campionato, con il 19° turno: in programma il drammatico match tra le disperate Manchester United e Chelsea, mentre il posticipo del martedì metterà invece di fronte ciò che la Premier ha di meglio da offrire in questo momento: al Leicester City Stadium si gioca Leicester-Manchester City!

Leggi anche:  Che squadra tifa Giorgia Meloni? Il misterioso cambio della futura Premier

PREMIER LEAGUE – RISULTATI 18° TURNO:
Stoke City – Manchester United 2-0
Chelsea – Watford 2-2
Manchester City – Sunderland 4-1
Liverpool – Leicester City 1-0
Aston Villa – West Ham 1-1
Swansea City – West Bromwich 1-0
Bournemouth – Crystal Palace 0-0
Tottenham – Norwich City 3-0
Newcastle – Everton 0-1
Southampton – Arsenal 4-0

  •   
  •  
  •  
  •