Ritiro Miccoli, ora è ufficiale! Rescisso il contratto con i maltesi del Birkirkara

Pubblicato il autore: Rocco Menechella

Miccoli-BirkirkaraRITIRO MICCOLI, ORA E’ UFFICIALE. Il Birkirkara ha annunciato il ritiro di Fabrizio Miccoli dal calcio giocato. Probabile per lui un futuro nel settore giovanile del club maltese. E’ durata sei mesi l’avventura al Birkirkara di Fabrizio Miccoli che a 36 anni ha deciso di smettere definitivamente col calcio giocato. L’annuncio del suo ritiro è stato dato direttamente dal club maltese con un comunicato sul sito ufficiale. Il Birkirkara ricorda come Miccoli sia entrato nella storia del club con il goal vittoria segnato al West Ham nei preliminari di Europa League. Un goal che per poco non regalava ai maltesi un’incredibile qualificazione, sfumata poi ai calci di rigore. “Miccoli e Birkirkara – fa sapere il club – stanno discutendo di una possibile collaborazione nell’ambito dello scouting e del settore giovanile”. Nella sua carriera Miccoli ha segnato 103 goal in Serie A,  71 con la maglia del Palermo di cui è diventato il miglior marcatore di tutti i tempi. Ha vinto una Supercoppa italiana con la Juventus e una portoghese con il Benfica, con la Nazionale azzurra ha giocato 10 partite, segnando due gol,

Leggi anche:  Serie A, Inter-Roma 1-2: Dybala e compagni stendono i nerazzurri a San Siro

UNA CARRIERA TRA ALTI E BASSI. Miccoli in carriera ha giocato 608 partite, segnando 216 gol. Ha cominciato nel calcio professionistico con il Casarano, passando poi alla Ternana, alla Juventus, al Perugia, alla Fiorentina. Tornato alla Juve, fu ceduto in prestito al Benfica dove divenne l’idolo dei tifosi; dopo due anni tornò alla Juventus dove i rapporti con la triade Bettega, Giraudo, Moggi erano deteriorati tanto da arrivare spesso allo scontro ma nonostante ciò, a detta dello stesso Miccoli, l’esperienza alla Juventus rimane ad oggi la più grande occasione sprecata della sua carriera. Così cerca una nuova sistemazione nel campionato italiano e nel 2007 fu ceduto al Palermo dove trovò il suo ambiente ideale, firmando il record di gol in Serie A per un giocatore rosanero, detenuto fino ad allora da Di Maso con 40 gol. Alla fine, a Palermo Miccoli arrivò a 74 gol in 165 presenze, in campionato record assoluto per un calciatore del Palermo. Lasciò il Palermo nell’anno della retrocessione in B, segnato anche dalle polemiche sulle sue frasi contro il giudice Giovanni Falcone, ucciso dalla mafia nel 1992 e sui suoi rapporti con il figlio di un boss di cosa nostra. Una delle pagine più brutte della sua carriera anche se non direttamente legata al mondo del calcio giocato ma che ha lasciato comunque l’immagine di un calciatore non pulitissimo. Prova a tornare nella sua Puglia per rilanciarsi scendendo di due categorie ed accettando la proposta del Lecce in Legapro. Anche in questa occasione si è trattato di un ritorno non felice. A Lecce praticamente Miccoli è stato più il tempo passato in infermeria che sul rettangolo di gioco nonostante le alte aspettative di società e tifoseria che avevano riposto nel Romario del Salento le proprie speranze di approdo quanto meno in cadetteria. Chiusasi anche la parentesi con il Lecce era iniziata a circolare la notizia di un possibile ritiro dal calcio già due anni fai, invece arriva l’approdo a Malta dove ha chiuso la carriera oggi a 36 anni.

Leggi anche:  DAZN Standard nuova offerta: prezzo scontato fino al 2 ottobre
  •   
  •  
  •  
  •