Serie B, Ternana-Lanciano 1-1: Longarini furioso

Pubblicato il autore: Giovanni Cardarello

 

Ternana-Lanciano 1-1 (foto di Giulio Cardarello)

Ternana-Lanciano 1-1 (foto di Giulio Cardarello)

Per descrivere l’ultima partita dell’anno al Libero Liberati di Terni, la 20° del Girone di Andata del Campionato di Serie B, occorre partire dalla fine o meglio dal post partita e dalle prime ore della Vigilia di Natale e precisamente dal Comunicato Ufficiale che il Presidente Simone Longarini ha diramato sul sito ufficiale della Fere poco dopo la Mezzanotte.

IL COMUNICATO DI LONGARINI:Mi trovo costretto, date le circostanze, a dover ricorrere a strumenti scritti per esprimere il mio pensiero. Ho letto molte critiche alle mie comunicazioni fatte il 16 Dicembre u.s. ove lamentavo una scarsa concentrazione ed un impegno generale decisamente sotto la sufficienza; in sintesi, un atteggiamento non da squadra che vuole lottare per fare più punti possibile e per dare il massimo in ogni occasione bensì un approccio volto ad “accontentarsi”, a fare il proprio compitino, e delle volte nemmeno quello.

In molti hanno trovato esagerate le mie parole recenti, sopratutto perché esposte dopo una vittoria per 4-0.
Vorrei precisare che , osservando quotidianamente i meccanismi dall’interno, ho voluto lanciare un forte grido di allarme per far focalizzare l’attenzione di tutti (stampa, tifosi, staff, squadra) sui limiti che non si vogliono superare, sugli aspetti su cui non si vuole crescere, ovvero l’impegno, la dedizione, la professionalità degli interpreti sportivi. Poiché una serie di segnali osservati già da dopo la partita di Vercelli lasciavano presagire il reiterarsi di scenari di “sbracamento” tristi e già noti.

La partita di Cesena è andata come abbiamo visto tutti, e sono convinto che ogni vero tifoso ha sofferto come ho sofferto io per la violenza della sconfitta.

Questa serata ,invece, è stata una fotocopia di film già visti: superficialità, atteggiamento da lassisti, pigrizia, minuti regalati agli avversari… e mi fermo qui per pudore. Chiaramente non è un caso se con le ultime 5 della graduatoria abbiamo raccolto 4 punti su 15. Purtroppo la realtà è evidente persino a chi volesse esser miope: fino a che tutti gli attori sportivi di questa “commedia” non si impegneranno al 100% per ottenere, sempre ed in ogni occasione, il massimo risultato possibile; tutti coloro che amano le Fere, compreso il sottoscritto, dovranno assistere a queste deprimenti prese in giro. Da parte mia non ho assolutamente intenzione di guardare inerme tali provocazioni: ho il dovere di agire nell’interesse di tutti coloro che amano questi colori. Pertanto la società prenderà una serie di provvedimenti che inizieranno già dalle prossime ore. Sono certo, giunti a questo punto, che ove la forza della ragione (spiegata con calma e per diverse settimane) non sia sufficiente, si debba necessariamente passare alla ragione della forza. Forza Fere”

A valle di queste parole è davvero superfluo aggiungere altro. Approccio superficiale alla gara da parte della Fere, peraltro contro la penultima in classifica e in serie nera, minuti e minuti di gioco regalati, pochissime idee e molto confuse, per non parlare dell’inspiegabile impiego di calciatori in chiara difficoltà fisica e psicologica come Avenatti e Zampa e l’altrettanto inspiegabile ostracismo verso calciatori finora sempre freschi e positivi come Palumbo e Belloni.

Solidarietà a Roscini (foto di Marco Barcarotti)

Solidarietà a Roscini (foto facebook  di Marco Barcarotti)

Solidarietà a Roscini (foto di Marco Barcarotti)

Solidarietà a Roscini (foto facebook di Marco Barcarotti)

Unica nota positiva della serata lo splendido gesto delle Curve Nord ed Est in solidarietà alla famiglia delle sorelle Roscini, due ragazze ultrà del Perugia, vittime sabato scorso di un pauroso incidente costato la vita a Sofia, mentre Laura lotta ancora fra la vita e la morte.

Leggi anche:  Romania-Bosnia, streaming e diretta tv Sky o Mediaset? Dove vedere Nations League

 

LA CRONACA

  • 4′ tiro da fuori di #Falletti, palla a lato di poco
  • 19′ ammonito Bacinovic nella Virtus Lanciano
  • 39′ ammonito Avenatti nella Ternana
  • 48′ colpo di testa di Di Cecco a lato di poco
  • 50′ vantaggio della Virtus Lanciano con Rigione che ribadisce in rete da pochi passi (Mazzoni respinge oltre la linea)
  • 53′ nella Ternana entra Gondo per Ceravolo
  • 54′ nella Virtus Lanciano dentro Padovan per Marilungo
  • 55′ secondo cambio per le Fere Coppola sostituisce Zampa
  • 62′ terzo cambio per la Ternana entra Grossi per Avenatti
  • 65′ nella Virtus Lanciano Di Francesco sostituisce Bacinovic
  • 70′ pareggio della @TernanaOfficial Cesar Falletti palleggia al limite dell’area e di destro mette in
    gol

  • 81′ giallo per Padovan nella Virtus Lanciano
  • 82′ giallo per Furlan nella Ternana
  • 83′ entra Crecco nella Virtus Lanciano al posto di Mammarella
  • 85′ ammonito Paghera nella Virtus Lanciano
  • 87′ ammonito Aquilanti nella Virtus Lanciano
  • 92′ secondo giallo e conseguente rosso per Furlan nella Ternana
  • 93′ fischio finale al Liberati finisce 1-1
Leggi anche:  La costante crescita dell’Ungheria del ct Marco Rossi

IL TABELLINO
Ternana (4-2-3-1): Mazzoni; Zanon, Gonzalez, Valjent, Vitale (Cap.); Busellato, Zampa (10′ st Coppola); Furlan, Falletti, Ceravolo (8′ st Gondo); Avenatti (17′ st Grossi). A disp: Sala, Meccariello, Masi, Palumbo, Belloni, Dugandzic. All: Roberto Breda

Virtus Lanciano (4-3-2-1): Casadei; Pucino, Rigione, Aquilanti, Mammarella (Cap., 37′ st Crecco); Paghera, Bacinovic (19′ st Di Francesco), Di Cecco; Piccolo, Di Matteo; Marilungo (8′ st Padovan). A disp: Aridità, Boldor, Turchi, De Silvestro, Vastola, Lanini. All: Roberto D’Aversa

Arbitro: Riccardo Ros (Pordenone)
Assistenti: Giovanni Colella (Padova), Domenico Rocca (Vibo Valentia)
IV Ufficiale: Alfonso D’Apice (Parma)

Marcatori: 5′ st Rigione, 25′ st Falletti

Ammoniti: Bacinovic, Padovan, Paghera, Aquilanti (VL), Avenatti, Furlan (T)

Espulsi: Furlan (T)

Spettatori: 3.008 (1.729 abbonati)

  •   
  •  
  •  
  •