Siviglia-Juventus, Emery: “Juve come Barca e Real”

Pubblicato il autore: Ciro Iavazzo Segui

“Juve elite d’Europa come Barcellona e Real” le parole di Unai Emery nella conferenza stampa di Siviglia-Juventus

Siviglia-JuventusUltima giornata della fase a gironi di Champions League, gruppo D. Siviglia-Juventus è una partita fondamentale per entrambe le squadre: da un lato la Juventus, già qualificata, ha bisogno di un solo punto per ottenere il primo posto; il Siviglia invece, è alla disperata ricerca di una vittoria per centrare, almeno, l’accesso all’Europa League. “La Juventus è al livello di Barcellona e Real Madrid” dichiara in conferenza stampa Unay Emery“E’ un avversario molto forte, ma noi dobbiamo provare a batterlo per accedere all’Europa League che, negli ultimi due anni, ci ha dato grandi soddisfazioni”. Gia perchè è proprio vincendo la “competizione B” della UEFA (seconda vittoria consecutiva dopo quella del 2014) che il Siviglia ha ottenuto un, meritato, accesso alla Champions, ma l’esperienza di quest’anno non è certo stata entusiasmante: “L’obiettivo era di giocare la Champions e quando poi ci arrivi le aspettative aumentano. Purtroppo è stata una sfida che non ci ha visti minimamente all’altezza, una vera e propria delusione. Il nostro obiettivo ora  sarà quello di riuscire a  qualificarci nuovamente per la Champions”. Occhi puntati dunque anche sull’altra sfida del girone, Manchester City- Borussia Monchengladbach, anch’essa valevole sia per un possibile primo posto, sia per l’acceso in Europa League: ” Sarebbe inutile pesare all’altra partita. Noi abbiamo il compito di pensare a noi stessi e alla difficile gara di domani. La Juve è una squadra molto forte, con una difesa esperta e di qualità. Non sarà facile”. Ma il Siviglia come affronterà a livello tattico la gara ? : Questa è la mia quarta stagione a Siviglia e non è la prima volta che ci troviamo in crisi. Spesso ho giocato con due punte e tutti ci criticavano, ma poi abbiamo dimostrato di saper giocare sia con due e con una. E’ ovvio, i risultati sono arrivati con una punta, ma quello che conta è il nostro rendimento di squadra”. In estate Emery fu molto vicino all’Italia, prima per i contatti col Napoli, poi con il Milan, ma il tecnico non si sbilancia sul suo futuro: “Italia? Il futuro del calcio si scrive nel presente, e solo ad esseo si deve pensare. Non ho la minima idea di dove allenerò in futuro, ma so solo che domani ho abbiamo un’importate partita, Siviglia-Juventus”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Tabellone Calciomercato Serie A, acquisti e cessioni: tutti i colpi della sessione invernale 2021