Sousa: “Abbiamo avuto tanti momenti di grande calcio”

Pubblicato il autore: Gianfranco Mairone

sousa

Vittoria e secondo posto in classifica per la Fiorentina, che in casa supera l’Udinese per 3 a 0. Al termine del match mister Paulo Sousa ha rilasciato alcune dichiarazioni a Mediaset Premium, eccole: “Tutti noi crediamo in quello che facciamo prendendo le nostre decisioni. A volte va bene, altre volte no. La squadra è sempre pronta per vincere con grande voglia e buona qualità di gioco”. Durante la gara non ti ha convinto qualcosa in difesa, è così? “Cerchiamo di dare continuità alla nostra prestazione con concetti individuali e di settore. Vogliamo sempre migliorarci, non riguarda solo i difensori ma tutta la squadra, perché si difende in undici”. Il tuo discorso di ieri è stato molto positivo? “Da parte dei miei giocatori c’è sempre grande predisposizione al lavoro. Oggi era una gara difficile ed abbiamo fatto bene. Serviva tanta intensità, collettiva e individuale, ed abbiamo avuto tanti momenti di grande calcio che ci hanno permesso di vincere. Soddisfatto della prestazione di Bernardeschi? “E’ un ragazzo generoso. L’ho chiamato dopo gli Europei, mentre era in aeroporto, e ho notato fosse molto disponibile con te. E’ venuto subito a Moena, rinunciando a qualche giorno di vacanza, e dal primo giorno ha lavorato cercando di capire i concetti tattici. Questo aspetto lo sta facendo crescere e maturare. E’ straordinario e può crescere ancora, perché ora sta giocando in un altro ruolo che domenica dopo domenica sta facendo suo”. Rossi era un po’ deluso per non essere entrato. “Ho detto diverse volte che mi dispiace. E’ un campione che può dare tanto e potrà darci ancora tanto, ma oggi stiamo facendo benissimo con questi uomini. Lui deve farsi trovare sempre pronto, tornerà al top ed avrà le sue opportunità”. La Juve è da scudetto? “Non lo so, servirà tanta concentrazione per quella partita. Ovunque sono stato ho ricevuto rispetto, spero che anche a Torino sarà così”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Cagliari, che botta! Pomeriggio da incubo per tre giocatori, il Venezia passeggia