Conferenza stampa Sousa prima della Juve: “Servirà un livello alto, altissimo, per vincere questa gara”

Pubblicato il autore: Gianfranco Mairone

sousa

Domani a Torino andrà in scena il match tra Juventus e Fiorentina. Da poco è terminata la conferenza stampa di Paulo Sousa, ecco le sue dichiarazioni:

Se sogna di allenare la Juve: “Non ho mai pensato ad una squadra specifica, io sono felice di quello che la vita mi sta dando. La vita mi dà l’opportunità di affrontare squadre che mi fanno crescere. Io sono contento di essere a Firenze e di dare tutto quello che ho per dare la gioia dei tifosi”.

Sul punto di forza della Juventus: “La storia e la cultura della Juve sono le sue armi di forza: adesso in campionato hanno trovato il loro consueto livello dopo le prime difficoltà. Noi stiamo facendo benissimo, siamo consapevoli della nostre potenzialità. Dobbiamo mettere in campo ambizione e coraggio, per cercare di vincere la partita”.

Leggi anche:  Lecce-Cremonese: dubbi offensivi per Baroni, tra recuperi lampo e ballottaggi, ecco le scelte

Se servirà più testa o cuore domani: “Entrambe: dovremo essere brillanti di testa e molto carichi di cuore”

Meglio vivere la sfida da giocatore o allenatore?: “Senza dubbio da giocatore. Ai tifosi della Fiorentina dico che lavoriamo per rafforzare il loro orgoglio nei confronti della maglia viola. C’è una grande alchimia fra la tifoseria e la squadra”.

Vincere un trofeo?: “È quello che rimane dopo una stagione”

Sullo Scudetto: “La Roma è la squadra più equilibrata. La Juventus ha ritrovato condizione e risultati, sono i più forti dal punto di vista difensivo ed hanno una grande maturità. Sanno gestire i tempi di gioco, per questo dico che è una squadra molto forte”.

Sulla gara di domani: “Voglio una Fiorentina sempre più ambiziosa. Il mio primo pensiero è sempre quello di essere protagonista e sfruttare al massimo le qualità che abbiamo, cercando di vincere dal primo all’ultimo minuto

Leggi anche:  Calendario Serie A 2022-23, dove vedere dalla 6a alla 16a giornata in tv

Sull’accoglienza dello Stadium: “Mi aspetto l’accoglienza che ho sempre ricevuto, sono sempre stato trattato con rispetto ovunque sono andato”.

Sulla concentrazione: “Certi risultati sono stati frutto di una questione di dettagli e di decisione prese in certi momenti di una partita. Gli equilibri in una partita sono fondamentali”.

Sulla gara di domani: “La Juventus sta vivendo un ottimo stato di salute, difende molto bene ed ha equilibrio. Spesso sono tutti coinvolti nella fase difensiva, è una squadra importante. Servirà un livello alto, altissimo, per vincere questa gara”.

Sull’accoglienza dei tifosi viola: “Sono sempre stato coerente con le mie scelte e con la mia voglia di vincere. È chiaro che i risultati hanno aiutato, la vicinanza ai tifosi aumenta quando hai valori simili ai loro. Sono felice per la fiducia dei nostri tifosi”.

Leggi anche:  Serie A, probabili formazioni Empoli-Milan: la scelta su Giroud, Satriano o Destro?

Sulle condizioni della squadra: “Non ci sono particolari situazioni. I giocatori stanno bene, anche se abbiamo due giorni in meno di preparazione. Certo, abbiamo due giorni in meno ma cinque punti in più in classifica”.

Sullo Scudetto: “Domani sarà dura, noi vogliamo essere protagonisti in campo. Detto questo è ancora presto per parlare per il titolo, ma con la continuità possiamo lottare per arrivare primi al traguardo. Continuando a vincere possiamo continuare a sognare”.

Sull’arbitro di domani: “Questo è un campionato di altissimo livello, per questo la qualità degli arbitri è decisiva. Dobbiamo rispettare gli arbitri chiedendo però il massimo rispetto. Non siamo stupidi, chiediamo solo il rispetto”.

  •   
  •  
  •  
  •