Thohir intervista: “Messi 2018 non è utopia”. Zanetti fa eco: “Io ci credo”

Pubblicato il autore: Edoardo Evangelista Segui

Thohir intervista
Thohir intervista: “Messi all’Inter? Perché no…“.
A Natale siamo tutti più buoni, un vecchio detto che si ripropone costantemente durante le feste natalizie, quasi fosse un panettone. E’ così che il presidente dell’Inter Erick Thohir ha voluto regalare un sogno di Natale ai tifosi nerazzurri, prefigurando la possibilità che Lionel Messi vesta in un futuro prossimo la maglia dell’Inter. Sì sì, avete capito bene, parliamo proprio della pulce argentina accostata all’Inter, neanche fossimo tornati indietro a quel corteggiamento che nel lontano 1997 portò il fenomeno Ronaldo, allora il miglior giocatore al mondo, ad affacciarsi dal terrazzino della sede societaria di via Durini in Milano, dopo le firme apposte sul contratto che lo avrebbe legato per cinque anni all’Inter.

Thohir intervista: “Sarebbe una grande scelta quando scadrà il suo contratto col Barcellona“.
E’ bastato questo breve messaggio lanciato via twitter dal presidente indonesiano per scaldare i cuori dei tifosi nerazzurri ed accenderne ancor più la passione, tornando con la memoria ai giorni di Ronaldo. Non prendiamoci in giro, le possibilità che Messi lasci il Barcellona a breve sono scarsissime, per non parlare poi del fatto che almeno 6-7 squadre ad oggi rappresenterebbero mete molto più attraenti per Leo dal punto di vista economico e tecnico. Ma attenzione a sottovalutare Thohir, che ha già ampiamente dimostrato di dare seguito alle sue parole impostando campagne acquisti ben al di là di quanto si credeva rientrasse nelle possibilità e nelle casse del club, ancora alle prese con i debiti della gestione Moratti. Complici alcune acrobazie finanziarie che hanno coinvolto le società di sua proprietà, Thohir ha costruito in breve tempo una squadra vincente, e sognare in grande è tornato ad essere lecito per i tifosi dell’Inter.

Thohir intervista, il pensiero di Zanetti su Messi: “Grande ambasciatore dello sport, ci spero per l’Inter“.
E’ così che oggi il vicepresidente Javier Zanetti non ha esitato a gettare benzina sul fuoco delle speranze della piazza, riprendendo le parole di ieri di Thohir. “Spero che Messi possa venire a giocare nell’Inter – spiega l’ex capitano nerazzurro, connazionale e grande estimatore dentro e fuori dal campo di Messi –, ma so che a Barcellona sta molto bene. Con tutto ciò che ha vinto, non deve dimostrare più niente a nessuno. Bisogna solo goderselo e capire quale grande ambasciatore sia per questo sport“. Inutile affrettare i tempi. La situazione economica dell’Inter e quella personale di Messi proiettano la possibile trattativa al lontano 2018, quando però l’Inter potrebbe aver ricostruito quella mentalità europea e quella reputazione internazionale che vanta storicamente ma che ha parzialmente perso per effetto degli ultimi anni di gestione scellerata da parte di Moratti.

Thohir intervista: “Strategia si basa sul tornare presto tra i primi dieci al mondo“.
Stiamo costruendo una squadra giovane e forte agli ordini di Mancini per competere con i migliori club d’Europa. La nostra strategia è chiara, vogliamo riportare l’Inter nel posto che merita tra i migliori dieci club al mondo“, ha detto il presidente attraverso l’account Twitter ufficiale dell’Inter. L’obiettivo è chiaro: tornare ai fasti del passato e in un certo senso riprendere da dove si era lasciato, ovvero da quel triplete dopo il quale alcune scelte non proprio lungimiranti dal punto di vista tecnico ed economico hanno condotto ad un graduale ridimensionamento. Questo è l’anno del rilancio, però, ed uno Scudetto potrebbe accelerare in maniera decisiva il processo di crescita immaginato nel progetto tecnico avviato con Mancini, che vedeva nel terzo posto l’obiettivo stagionale minimo.

  •   
  •  
  •  
  •