Torino: tifosi in rivolta

Pubblicato il autore: Christian Vannozzi

Non sono riusciti a digerire l’eliminazione per 4 a 0 operata dalla Juventus i tifosi del Torino, che forse ingratamente hanno sbattuto la porta in faccia  Ventura, gridando Vergogna e Conigli, contestando in primis la società e il tecnico con la scritta “un allenatore indegno”.Accuse senza dubbio pesanti, non tanto per una società quasi del tutto assente rappresentata da Cairo, ma soprattutto per un mister, Ventura, che non meritava di certo una contestazione così forte, neanche dopo la disastrosa sconfitta di martedì sera, che anche se amara, è stata consumata contro una grande squadra e un grandissimo Zaza che ha trovato perle da cineteca che lo stanno proiettando non solo verso gli europei con l’Italia di Conte ma anche verso i soldi della Premier.

Torino nei guai

torinoMister Vetura ha messo il Torino nei guai? I dati alla mano non parlano di questo, perché il Torino gioca, e gioca bene, e durante la sfortunata partita di Coppa Italia non sono mancati spunti interessanti di Belotti, che proprio con il tecnico granata sta facendo il suo anno migliore e si sta lanciando alla ribalta del calcio italiano.

Leggi anche:  Serie C, dove vedere Avellino-Potenza streaming LIVE e diretta TV: Rai Sport o Eleven Sports?

Certo perdere il derby non è bello, come non è bello essere eliminati dalla Coppa Italia, ma occorre tener presente che come avversario c’era la Juventus, protagonista in Italia e in Europa, e non una squadra di secondo rango. Il confronto a Torino pesa, anche perché il Toro non è più da almeno 30 anni ai livelli della Juventus, e deve purtroppo accontentarsi di un ruolo non primario. I fasti del passato non si riescono a ripetere, e dalla Tragedia di Superga non sono che nate note stonate, che hanno visto qualche buona stagione, qualche piccolo trofeo, ma nulla di sorprendente come si era soliti vedere ai tempi del grande Valentino Mazzola, eroe di una Torino che non riesce più a confrontarsi con i propri fantasmi.

Juventus sempre più in alto

Leggi anche:  DAZN Standard nuova offerta: prezzo scontato fino al 2 ottobre

torinoChe dire della Juventus? Per prima cosa vanno fatti i complimenti ad Allegri, professionista serio e capace, che nonostante le critiche che lo accompagnano da quando si è seduto sulla panchina del beniamino Conte, ha dovuto confrontarsi con un’ambiente che non riesce proprio a perdonargli niente, ma che ha saputo resistere e riportare la Juve alla lotta per il titolo.

L’avversaria quest’anno sembra essere l’Inter, sicuramente poco brillante, ma estremamente cinica e precisa nel ritagliarsi vittorie su vittorie, sia in campionato che in Coppa Italia, e che può concedersi il lusso di non giocare le coppe europee, che come si sa tolgono notevoli energie sia fisiche che psichiche.
La Juventus dovrà infatti scontrarsi con il Bayern di Guardiola, formazione non facile da affrontare e che ha dalla sua uno dei tecnici più  brillanti e preparati del mondo, che sogna una nuova Champions League con da alzare con una squadra diversa dal Barcellona.

Leggi anche:  Cagliari: dubbio offensivo per Liverani, chi giocherà? Ecco la probabile scelta

Torino ancora in corsa

Tornando al Torino non occorre dimenticare che c’è un’ Europa League da conquistare, e quindi un campionato ancora aperto a mille soddisfazioni, non occorre quindi demoralizzarsi ma stringersi attorno alla squadra di Ventura, che può seriamente regalare grosse soddisfazioni ai propri tifosi.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: