Auguri Gigi: i 38 anni di Buffon

Pubblicato il autore: Eugenio Usai Segui

buffon-esulta-juventus-champions-league-settembre-2015-ifa
Auguri al portierissimo della Nazionale italiana e della Juvenuts, che compie ben 38 anni. Ancora oggi, nonostante la non giovane età, Gigi Buffon rimane un punto fermo di entrambe le squadre, in particolare della Juve, diventato ormai simbolo della squadra bianconera. Il merito è soprattutto delle sue grandissime prestazioni, che lo pongono sempre ai vertici delle classifiche dei migliori portieri del mondo. Non ci si dovrebbe stupire delle capacità di questo grande portiere, data l’entità del nome di cui stiamo parlando, ma sono notevoli gli alti livelli del suo rendimento per uno della sua età, età in cui molti portieri sono in declino o già in pensione; basti pensare ad un Casillas trentaquattrenne che sta sul viale del tramonto e che rischia di non essere convocato ai prossimi europei. E il tramonto di Buffon? manco a parlarne! Il carrarese è ancora determinante nel cammino della Juve, e nei momenti di difficoltà della squadra si è sempre fatto trovare pronto regalando parate spettacolari e risolutive. Anche se l’agilità è venuta meno con gli anni, il forte senso di posizione e l’eccezionale lettura dell’azione gli danno una marcia in più nell’efficacia dei suoi interventi, senza contare la conservazione dei suoi riflessi felini. Ma c’è di più. Buffon, oltre essere un portiere di elevata qualità tecnica, è anche il capitano e uomo squadra della Juventus e della nostra Nazionale. Sempre pronto a guidare il team con vigore e carisma, caratteristiche acquisite negli anni e portate avanti con la sua ambizione e fame di vittorie. Non è un caso che la ripresa della Juve sia arrivata dopo un suo richiamo all’ordine, il quale ha strigliato a dovere i nuovi arrivati che faticavano ad entrare nei meccanismi di gioco della Juve e di come abbia fatto capire che per vestire quella maglia ci vuole un impegno maggiore e andare oltre i propri limiti, come non è un caso che l’attenzione e concentrazione dei difensori della Juve sia sempre sollecitata dal portierone, sempre pronto a mantenere alta la pressione delle sua linea difensiva.
Negli anni tanti critici si sono sperticati nelle lodi di questo eccezionale giocatore, e ben poche volte si sono nutriti dubbi sul suo valore, se era successo era solo a causa di periodi in cui non stava bene fisicamente. Ma esattamente quando si è iniziato a parlare di Gigi Buffon? Ovviamente sin dagli inizi della sua promettente carriera, basti pensare che a soli 17 anni accumula nove presenze nel Parma e l’anno dopo è titolare fisso. Stessa cosa capita anche in Nazionale, dove a soli 20 anni diventa primo portiere scavalcando gente come Toldo e Peruzzi nelle gerarchie; peccato che salta l’Europeo del 2000 per infortunio. Il futuro è poi contraddistinto dalla sua esponenziale crescita. Nella parentesi di Parma si rende protagonista di partite eccezionali e di parate impossibili. La Juve ci vede lungo considerandolo un sicuro investimento nel futuro e decide di mettere mano al portafogli acquistandolo per 75 miliardi di lire e facendolo diventare il portiere più costoso di sempre. Qui poi la storia si condisce di scudetti vinti e revocati e di Champions League perse alla dirittura d’arrivo (2003 e 2015), ma anche di enormi soddisfazioni mondiali (2006); ancora oggi si parla del fatto che meritava più lui di Cannavaro il Pallone D’oro 2006. Non si dimenticano i momenti negativi: la discesa in serie B, i problemi alla schiena e i suoi confessati problemi di depressione. Ma anche da questi momenti no e dalla sua eccezionale ripresa psicofisica che si vede la grande forza di Gigi Buffon, che dimostra di non essere un semplice portiere di alto livello, ma di essere anche un condottiero e guerriero dalle enormi risorse. Gigi ha detto che probabilmente si ritirerà dopo i mondiali in Brasile del 2018: a quarant’anni come l’altra leggenda dei pali Zoff. Ebbene, ha tempo di aggiungere alla sua chilometrica bacheca un’Europeo, una Champions e un altro Mondiale, raggiungendo il palmares di Iker Casillas; che però è secondo proprio alle spalle del nostro Gigione nazionale nelle classifiche IFFHS dei migliori portieri del decennio 2000-2010.
A Gigi gli si augura ogni bene e di continuare a giocare alla grande fino alla fine, in modo anche di regalarci qualche gioia con la Nazionale. Auguroni Gigi!

Leggi anche:  Serie A, la panoramica sul quarto turno: si parte con Sassuolo-Torino, domenica sera il big match Juventus-Milan
  •   
  •  
  •  
  •