Operazione Fuorigioco, cosa rischiano le società? Risponde l’avvocato Chiacchio

Pubblicato il autore: Francesco Moscato Segui

sessa-aurunca-emanuela-verrillo-giovane-ufficiale-della-guardia-di-finanza-e-la-nuova-comandante-della-sezione-operativa-di-reggio-emilia1
L’azione di sequestro della guarda di finanza, in merito ad “operazione fuorigioco” partita dalla Procura di Napoli, vede coinvolti come già sappiamo calciatori, procuratori, presidenti e funzionari delle società di serie A e serie B. E, ciò che preoccupa più i tifosi, adesso è se le loro squadre del cuore, possano rischiare qualcosa nei campionati in corso, e se si, che cosa. A rispondere a questa domanda, è stato l’avvocato Chiacchio, attraverso Radio Marte, che ha tranquillizzato gli appassionati di calcio, visto che non sono illeciti volti a partite truccate, o “comprate”, bensì ad evasioni fiscali e sequestro di materiale. “Credo che le indagini termineranno tra vari mesi, il campionato in corso sarà ampiamente finito. Non dovrebbero esserci penalizzazioni per il campionato in corso e credo nemmeno per i prossimi. I documenti andranno poi passati alla Procura Federale che dovrebbe riscontrare degli illeciti sportivi. Il doping amministrativo è connesso alle penalizzazioni solo per l’iscrizione ai campionati, non è da prendere in considerazione per questo caso. Credo ci sia invece un’infrazione nelle norme nei rapporti con gli agenti, che ha provocato anche delle violazioni delle vigenti norme fiscali. Per questo tipo di violazione, comunque, non è mai stata punita alcuna società con punti di penalizzazione in classifica. Ci sono stati in passato tanti deferimenti per infrazioni nei rapporti con gli agenti. L’attività sanzionatoria in questi casi si determina in un’ammenda generalmente patteggiata dai soggetti riferiti, si può stare ultra-tranquilli dal punto di vista sportivo”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Coman rientra al Bayern dopo l'intervento al cuore