Dopo le minacce, lo sport torna a Locri

Pubblicato il autore: Andrea Sciotti

Sporting Locri, Minacce, Mafia
Dopo le minacce in stile mafioso dei giorni scorsi, lo sport torna a Locri su iniziativa del CSI, con un’iniziativa chiamata #IoVadoAGiocareALocri. Lo farà domani, mercoledì 6 gennaio, dalle ore 9 alle ore 13, nella centralissima Piazza dei Martiri, allestita con campi di calcio a 5, volley e basket. A dare il calcio d’inizio all’evento sarà il sindaco di Locri, Giovanni Calabrese. Alla manifestazione sarà presente anche il vescovo, monsignor Oliva. Tanti i giovani che hanno dato la loro adesione da tutta la Calabria e da altre regioni italiane e fra loro vi sarà anche una rappresentativa delle ragazze dello Sporting Locri. Insieme a loro vi saranno anche i rappresentati regionali di Figc e Coni per un’iniziativa che non sarà solo Festa dello Sport ma anche un’Epifania della legalità.

#IoVadoAGiocareALocri

Il presidente nazionale del CSI, Massimo Achini, spiega il perché di questa iniziativa:”Abbiamo deciso di organizzare questa Festa dello Sport in piazza a Locri, per dare un segnale concreto di attenzione. Lo sport nei contesti “difficili” non solo deve esserci, ma deve sempre esserci due volte. In territori di frontiera rappresenta davvero una delle pochissime possibilità di educare i giovani alla legalità e alla vita. Ovviamente saremo a Locri anche per esprimere vicinanza alle ragazze dello Sporting. Ma saremo a Locri, soprattutto, per testimoniare che in territori come questo lo Sport deve crescere e non scomparire. Lanciando l’hashtag #IoVadoAGiocareALocri non sapevamo quanti avrebbero potuto aderire. Saranno centinaia i giovani che parteciperanno. Un segnale davvero ricco di significato, non solo per la Locride, ma per tutto il Paese”.

Leggi anche:  DAZN Standard nuova offerta: prezzo scontato fino al 2 ottobre

Sporting Locri – Lazio si giocherà regolarmente

Intanto la squadra femminile di calcio a 5 dello Sporting Locri scenderà in campo domenica 10 gennaio per affrontare, in un incontro valido per il campionato, le ragazze della Lazio. Al comando del club però non c’è più Ferdinando Armeni, oggetto, insieme alla sua famiglia, delle minacce. E insieme a lui si è dimesso tutto il consiglio direttivo. Ora la società è affidata al sindaco Giovanni Calabrese che con altri imprenditori ha ripreso l’attività.
Le ragazze, guidate dall’allenatore spagnolo Willy Lapuente, è in piena lotta per il Gold Round, occupando la quinta posizione in classifica.

Tavecchio sarà presente al match dello Sporting Locri

Il match sarà trasmesso in diretta tv su Rai Sport 1 domenica 10 gennaio dalle ore 18. Sarà presente anche il presidente della Figc Carlo Tavecchio:”Abbiamo lavorato senza sosta, insieme al comune di Locri, affinché lo Sporting potesse continuare la sua straordinaria esperienza sportiva. Il nostro obiettivo era creare le condizioni, anche economiche, per far tornare in campo le ragazze il 10, ma soprattutto far finire loro il campionato senza ulteriori traumi. Domenica sarò presente alla partita per portare il nostro contributo concreto e la solidarietà dell’intero mondo del calcio”. Insieme a lui saranno presenti il calabrese Antonio Cosentino, presidente della Lega Nazionale Dilettanti, e Fabrizio Tonelli, presidente della Divisione Calcio a cinque.
Per le ragazze dello Sporting Locri e per tutto il movimento sportivo il risultato contro la Lazio non sarà importante. E’ importante poter vedere queste ragazze in campo, per dare uno schiaffo alla mafia e ai suoi metodi.

  •   
  •  
  •  
  •