Dybala, la “Joya” di questa Juventus

Pubblicato il autore: @lorenzo_v_81 Segui

DybalaNella prima parte di stagione quei 40 milioni di euro con i quali la Juventus l’ha strappato al Palermo con largo anticipo battendo una lunga stuola di concorrenti, a qualcuno sono sembrati troppi e probabilmente hanno un pochino pesato. Non allo stesso Dybala che ha avuto più che altro bisogno di un po’ di tempo ad ambientarsi in una squadra nella quale il lavoro è molto più duro e puntiglioso e soprattutto ha l’unico obiettivo di vincere, sempre comunque e contro qualsiasi avversario. Non hanno pesato nemmeno a Massimiliano Allegri che l’ha lasciato talvolta in panchina inizialmente prendendosi anche qualche rischio e molte critiche da addetti ai lavori che adesso ne tessono le lodi per come il tecnico livornese ha gestito il suo gioiello. Chiamato per sostituire Tevez non ha le stesse qualità tecniche e probabilmente non avrà mai quello spirito di trascinatore che faceva impazzire gli innamorati dell’Apache e tutti i tifosi bianconeri, ma Paulo Dybala ha comunque delle doti indiscutibili che possono diventare sconfinate se si pensa alla sua giovane età.

Leggi anche:  Infortunati Serie A: gli indisponibili della 5 giornata

Velocità, gran tiro con entrambi i piedi, altruismo, capacità di rifinire l’azione e sacrificarsi per i compagni, Dybala sembra perfetto in questo 3-5-2 ridisegnato da Massimiliano Allegri nelle ultime settimane, nel quale Paulo svaria su tutto il fronte offensivo riuscendo a creare spazi per gli inserimenti degli esterni e delle mezz’ali ma allo stesso tempo diventando la spalla ideale per Mario Mandzukic. Già il suo partner ideale sembra essere proprio il lungagnone croato che ha caratteristiche completamente diverse che completano però al meglio quelle dell’argentino, molto più di Alvaro Morata che sembra per il momento aver perso un posto nelle gerarchie dell’allenatore bianconero. Proprio lo spagnolo, per assurdo, potrebbe essere il più “infastidito” da questa soluzione e certamente il fatto di finire in panchina non gli farà piacere, ma è sempre il primo ad alzarsi e festeggiare insieme a Dybala visto che ha stretto un ottimo rapporto con lui. Rapporto che il talento argentino pare aver stretto con tutti i compagni grazie a quel modo di fare educato e poco invadente come ad esempio con l’altro giovane astro nascente di casa bianconera Paul Pogba che assieme al compagno esulta ad ogni gol ballando l’ormai famosa Dab dance. I paragoni si sprecano come quello con Roberto Baggio fatto dal giornalista Mario Sconcerti. Il confronto con Higuain è impari vista l’esperienza e l’integrazione del numero nove napoletano, ma se Juventus e Napoli continueranno questa lotta trascinate dai propri attaccanti diventa quasi inevitabile. Contro la Roma Dybala è stato veramente devastante, completo sempre al centro del gioco che ha deciso la gara con un sinistro chirurgico. L’unico che non ha mai dubitato delle sue qualità, anche per non “svalutare” il suo prodotto, è stato il presidente del Palermo Zamparini che l’ha difeso anche nei momenti più difficili nei quali si scagliò anche contro Allegri per l’utilizzo che ne faceva. I fatti però parlano tutti in favore dell’allenatore bianconero che si è curato, fatto crescere e ritrovato un elemento di sicuro avvenire che, come dice qualcuno, può diventare un serio candidato alla vittoria del pallone d’oro entro i prossimi 4-5 anni.

Undicesima di fila! ⚽️ andiamo avantiiii! #DaiJuve

Una foto pubblicata da Paulo Dybala (@paulodybala) in data:

  •   
  •  
  •  
  •