Intervista Bonucci: “Napoli rivale per lo Scudetto. Il Bayern deve temerci”

Pubblicato il autore: Carmine Errico Segui

Intervista Bonucci

Intervista Bonucci su lotta Scudetto e Champions
Giornata impegnativa per Leonardo Bonucci intervistato sia da Sky che da Mediaset Premium. Parole sempre forti che fanno discutere le sue, ma chiare e decise: “Rivale Scudetto? Se devo farti un nome a oggi, per il modo di giocare e per quello che hanno fatto nel girone d’andata, dico il Napoli che ha anche un’arma in più che si chiama Higuain“. Ma nell’intervista Bonucci, da uomo di calcio navigato qual è, tiene a sottolineare: “Le parole di Sarri? È un po’ un gioco psicologico, perché cerca di scaricare la tensione che può darti una piazza come Napoli, stando lassù prima in classifica. Quindi cerca di scaricare sulle altre squadre. Prima era l’Inter poi la Juve. È normale questo giochino…”. Giochino fatto da sempre in casa Juventus che i bianconeri conosco fin troppo bene. Poi si espone con il suo classico scatto di orgoglio: “Alla vittoria finale possono ambire le prime cinque in classifica, noi vogliamo entrare nella storia di questo club, vincendo il quinto scudetto consecutivo. Questo campionato sarà apertissimo fino alla fine. A ottobre c’era chi diceva che la Juve era già fuori dal discorso scudetto e oggi non è più così“. La fierezza del condottiero bianconero si erge forte come a voler ripercorrere nella propria mente anche quei primi due mesi maledetti che avevano portato la Juventus ad essere addirittura a meno 11 dal primo posto in classifica. Ma dopo una lunga ricorsa i bianconeri sono riusciti nella prima parte dell’impresa, riportandosi proprio nell’ultima giornata di campionato a meno due dalla vetta.

Leggi anche:  Juventus, Allegri: “Dybala e Morata salteranno i match con Chelsea e Torino”

Intervista Bonucci sulla Champions

Ma la stagione bianconera non è solo lo Scudetto, non verte solo sul sogno di riuscire nell’impresa di portare a casa il tricolore per cinque anni di fila. L’attenzione dei bianconeri è giustamente rivolta anche e soprattutto alla Champions League e ai prossimi avversari degli Ottavi di Finale: il Bayern Monaco. Nell’intervista Bonucci non si tira indietro e affronta anche questo tema con il suo classico approcci deciso e imperioso: “Noi spaventati dalla sfida con il Bayern? Credo che il Bayern deve temere questa Juve. Credo che loro quando hanno letto il nostro nome al sorteggio non hanno esultato. Dentro di noi dobbiamo avere la consapevolezza di potercela giocare con il massimo rispetto ma senza paura”. Parole che raccontano di una crescita mentale importante dei bianconeri. Ripensando alla passata edizione della Champions, chiusasi amaramente con la sorprendente finale contro il Barcellona, non può non rimanere impresso nei ricordi degli addetti ai lavori e dei tifosi bianconeri, la sofferenza con la quale la Juventus riuscì ad approdare alla finale: sofferenza da ‘piccola’ squadra, tipica di chi ha paura, riconducibile soprattutto a due quarti di finale in Francia contro il Monaco. In quella partita di ritorno terminata 0-0, si videro tutti i limiti caratteriale di una squadra come quella bianconera spaventata e insicura. Una squadra che poi è cresciuta enormemente in semifinale, una squadra che soprattutto sembra essere cresciuta in questa stagione. Un carattere da ‘Big’, un carattere che ha Bonucci. Ed ecco perché è fondamentale, non solo in campo, ma anche fuori: un leader indiscusso.

  •   
  •  
  •  
  •