La Juventus & Allegri : “Bisognerà essere bravi per vincere questo mini-campionato da 17 partite”.

Pubblicato il autore: Antonio Chiera Segui
Fotoagenzia Bruno Peruzzini Allenamento e Conferenza stampa JUVENTUS prima dell'incontro di Champions League con il Borussia.Vinovo 20-10-2015.Nella foto.massimiliano allegri

La foto è di Bruno Peruzzini

La Juventus & Allegri : “Bisognerà essere bravi per vincere questo mini-campionato da 17 partite”.

Visibilmente soddisfatto Massimiliano Allegri, si affida sempre più a twitter per ringraziare i suoi ragazzi:

In questo momento la Juventus sembra non aver rivali, stanno tutti bene  e sembra che il primo obiettivo stagionale sia ipotecato, ma senza esagerare con l’entusiasmo:

“Abbiamo fatto una buona partita contro una buona Inter, difensivamente siamo stati ordinati ed in fase di costruzione potevamo fare meglio. Dobbiamo continuare per migliorarci in questo. Ora i ragazzi stanno dando ai tifosi e alla società grandi soddisfazioni, ma c’è ancora da fare parecchio, raggiungere il primo posto e la finale di Coppa Italia”

Allegri come al solito tiene un profilo basso soprattutto dopo le vittorie consapevole pero,  che la partita di ritorno sarà difficile si, ma fino ad un certo punto. Colpisce sempre più questa tranquillità “all’Inglese” che Massimiliano Allegri continua ad avere, perché sa benissimo di essere in finale, ma ancora più sa, di aver centrato la sua quattordicesima vittoria di fila strapazzando l’Inter fino a poche settimane fa capolista e diretta ex concorrente allo scudetto.

La Juventus di Max Allegri dopo l’inizio di campionato un pò congestionato nel gioco e nei risultati, oggi sembra aver trovato la giusta strada nel gioco di squadra, nell’equilibrio, ma soprattutto nei risultati. Cosa è successo si domanderanno in tanti?  A  mio parere tanto e poco, normale routine di cambiamento nei protagonisti l’uscita di Tevez e Pirlo non era facile accettarla, poi assestamento a livello di spogliatoio, ma soprattutto ritrovare la sintonia tra i reparti, il nuovo protagonista o solista chiamatelo come vi pare,  ha chiuso il cerchio. Ed in effetti le parole di Max Allegri rispecchiano in pieno quanto successo fino ad oggi:

“Non dobbiamo pensare, ma resettare quanto fatto finora e mettere un muro sul girone d’andata. È vero che ne abbiamo fatte 9 di vittorie alla fine, ma all’inizio sono arrivati pochi punti. Bisognerà essere bravi per vincere questo mini-campionato da 17 partite. Dobbiamo lavorare per migliorare ancora di più la condizione fisica, e dare intensità difensiva che è ciò che ti porta a vincere le partite. Quando vieni da tante vittorie, dobbiamo essere bravi a staccarci da tutto, concentrarci in allenamento, chiudere tutti i rubinetti quando si scende in campo e giocare con solidità, dobbiamo avere l’equilibrio ed l’incoscienza di chi sa che ancora non ha fatto nulla. L’importante è mantenere questa condizione: abbiamo tante partite davanti, e così posso girare qualche giocatore senza che il livello tecnico si abbassi”.

Oltre ad elogiare come sempre il lavoro di squadra Max Allegri ricorda ancora una volta ( ma lo ha fatto sempre) la buonissima partita  e spendere belle parole per Alvaro Morata che finalmente ha ritrovato il gol e la superba prova tattica di Asamoah, artefici di una grande performance individuale al servizio della squadra.

“I gol di Alvaro significano molto, ma le ultime prestazioni erano buone. Stasera ci ha messo tecnica, fisico e ha sbloccato la partita. Bellissimo il suo secondo gol. Le punte quando non segnano si intristiscono, le capisco, ma le sue qualità non vanno perse in un mese. Così come Asamoah ha fatto una partita a livello tecnico straordinaria. Se i ragazzi fanno così, normale che lasciarli fuori sia un dispiacere – ha continuato – più andiamo avanti, però, più ci sono partite più si gioca tutti.”

  •   
  •  
  •  
  •