La nostalgia di Criscito: “Mi manca l’Italia”

Pubblicato il autore: Pierluigi Persano Segui

criscito
Sono ormai cinque anni che Domenico Criscito ha lasciato l’Italia per andare a giocare nella fredda San Pietroburgo con lo Zenit.
Intervenuto a Radio Deejay, il difensore campano ha ammesso di seguire ancora le vicende della Serie A e di sentire la nostalgia di casa: “In Russia mi trovo bene, ma l’Italia mi manca. Il campionato italiano quest’anno è molto più equilibrato, ma la Juve mi sembra la favorita al successo finale nonostante l’inizio di stagione un po’ difficoltoso“.
Criscito è rimasto legatissimo soprattutto al Genoa, sua ex squadra con cui ha collezionato 152 presenze: “Mercoledi ero a Genova per seguire il derby allo stadio. Il Genoa purtroppo sta vivendo un momento poco felice, mi dispiace per il periodo difficile che stanno attraversando i miei ex compagni“.
E il suo ex allenatore Spalletti, che lo portò in Russia, “non l’ho sentito ultimamente, ma sarei felice se tornasse ad allenare in Italia. Magari alla Roma“.
Quest’estate il ritorno di Criscito in Italia sembrava fattibile con l’interesse da parte di Mancini e dell’Inter, ma lo Zenit e Villas Boas lo considerano incedibile. Ma quanto dovrebbe sborsare una squadra per acquistarlo? “Non saprei qual’è il prezzo del mio cartellino. Lo Zenit nel 2011 mi ha pagato 12 milioni, ma ora costo sicuramente meno perchè sono invecchiato“, ha scherzato Criscito.

Leggi anche:  Europei pallavolo maschile, l'Italia è campione d'Europa
  •   
  •  
  •  
  •