Leicester saluta la FA Cup, Son e Chadli affondano la squadra di Ranieri

Pubblicato il autore: Senio Calvetti Segui

Claudio Ranieri Leister

Il Tottenham affonda il Leicester di Ranieri con un gol per tempo.

Dopo il 2 a 2 del 10 Gennaio scorso di White Hart Lane, Leicester e Tottenham sono tornate a contendersi il passaggio ai sedicesimi di finale di FA Cup, la competizione per club più antica del mondo.

Ranieri scende in campo senza Jamie Vardy, Pochettino rinuncia a Harry Cane, privando di fatto il pubblico dei due protagonisti più attesi, ma un po’ di turn-over in vista della Premier è più che doveroso.

Gara bloccata fino al quarto d’ora, poi la squadra di Pochettino inizia a impossessarsi del terreno di gioco e a rendersi pericolosa dalle parti di Schmeichel. Ci prova prima Eriksen, poi è il turno di Ben Davies, ma entrambi peccano di precisione, risponde timidamente la squadra di Ranieri con una conclusione di Inler che non impensierisce Vorm. Tornano a farsi sotto gli Spurs, il Leicester si arrocca e non riesce a reagire, il gol è nell’aria e arriva al 39′ con il coreano Heung Min Son, servito alla perfezione da Tom Carrol. Il Leicester prova a reagire immediatamente, ma la difesa del Tottenham regge bene l’urto e si va negli spogliatoi sul risultato di 0 a 1.

Leggi anche:  Prva Liga croata: l'Osijek ferma la Dinamo Zagabria, rinfrancando tutti

Nella ripresa la musica non cambia e i 30.000 del King Power Stadium sono costretti ad assistere ad un sostanziale dominio del Tottenham. Inizia il valzer delle sostituzioni, Pochettino butta dentro Harry Cane al posto di Erik Lamela, Ranieri risponde inserendo Albrighton al posto di Simpson. Al 66′, il Tottenham raddoppia con Chadli e la qualificazione ai sedicesimi di Fa Cup è molto più vicina. Al 74′ Ranieri si gioca il tutto per tutto e manda nella mischia anche Jamie Vardy, ma è troppo tardi e il risultato rimane invariato fino al triplice fischio di chiusura. Il Tottenham di Pochettino conquista il passaggio del turno, mentre alla squadra di Ranieri non resta che concentrarsi sul campionato.

  •   
  •  
  •  
  •