Mancini: “Sarri? Situazione chiusa. Ho un debole per Guarin”

Pubblicato il autore: Gianfranco Mairone Segui

Mancini

Domani tornerà in campo l’Inter che affronterà a San Siro il Carpi. Da poco è terminata la consueta conferenza stampa di Roberto Mancini, ecco le sue dichiarazioni:

Sulla lite con Sarri: “E’ stato fatto un comunicato, la situazione è chiusa”.

Su Guarin ci sono novità?: “Era pensieroso e l’ho fatto riposare in coppa, in questi due o tre giorni l’ho visto meglio e sarà a disposizione”.

Icardi e Jovetic potranno giocare insieme prima o poi?: “E’ importante riuscire a vincere, ma prima o poi troveranno l’intesa, magari ci vorrà un po’ più di tempo”.

Cosa devono mettere in campo i ragazzi contro il Carpi?: “Sono le sfide più pericolose, le reputi facili e invece loro stanno facendo molto bene, lottando per rimanere in A. Ma dobbiamo assolutamente tornare a vincere e partire bene, col massimo della concentrazione, come a Napoli”.

Tre sfide in una settimana: penserai a ruotare la rosa anche in termini di diffidati e stanchezza?: “Tutti avranno la possibilità di giocare, ma se uno viene ammonito salterà una partita e pazienza”.

Con il Napoli una vittoria importante, non è il momento di prendere consapevolezza della forza che avete?: “Il passaggio a vuoto tra Lazio e Sassuolo non ci voleva, potevamo avere qualche punto in più e dobbiamo cercare di recuperare, ma la consapevolezza dobbiamo averla. Nessuna ci è mai stata superiore in uno scontro diretto, a parte la Fiorentina in una situazione particolare. Siamo l’Inter e dobbiamo esserne consapevoli”.

Leggi anche:  Telecronisti Serie B 6^ giornata: tutte le voci Sky e DAZN

Al di là del modulo, grande qualità in campo col Napoli: è questa la chiave?: “Certo, ma serve equilibrio giocando con tanti giocatori offensivi, bisogna anche saper difendere”.

Mourinho chiese ad Eto’o, nell’anno del Triplete, un grande sacrificio tattico. C’è un giocatore a cui tu lo puoi chiedere?: “Eto’o era Eto’o e noi non ce l’abbiamo. Noi abbiamo Ljajic che sta facendo benissimo, anche se la fase difensiva non è nel suo NDA. A Perisic viene meglio difendere ma si stanno sacrificando entrambi”.

“In questi anni non è cambiato niente”, hai ripetuto in queste giorni riguardo l’Italia. Può incidere nelle tue valutazioni future?: “Sono vicino ad Herrera e vorrei cercare di prenderlo, al momento no”.

Tourè potrebbe essere un giocatore interessante per l’Inter?: “E’ un giocatore del City, un grandissimo e lo sarà ancora per diversi anni, ma è inutile parlare di una cosa impossibile”.

Leggi anche:  Telecronisti Serie A, 6.a giornata: il palinsesto di Sky e DAZN

C’è una preclusione ad accettare la Nazionale per la presenza di Tavecchio e Lotito?: “Non li conosco, avere una preclusione sarebbe sbagliato ma nessuno mi ha contattato in passato o ora in merito”.

Melo è recuperato dal punto di vista mentale e fisico?: “E’ tornato a disposizione a Napoli, avendo scontato tutta la squalifica. Sta abbastanza bene fisicamente, psicologicamente è a posto. In difesa qualcuna Miranda la dovrà saltare, magari un giallo”.

Una offerta di una grande inglese potrebbe farti pensare a lasciare l’Inter?: “Non c’è niente, dobbiamo pensare all’attualità e al prossimo anno, poi i contratti scadono…”.

La fine del mercato si avvicina ed è tornato in prima pagina il nome di Lavezzi: hai già provato a prenderlo in carriera?: “Una volta all’Inter e una al City, poi andò al PSG: non credo sia possibile comunque prenderlo al momento, al massimo a giugno. E’ un calciatore valido e può dare una mano ad una squadra come la nostra, giovane, nel prossimo campionato”.

Leggi anche:  Probabili formazioni Inter Atalanta: i dubbi Darmian e Pasalic

State cercando un nuovo difensore?: “Se Ranocchia dovesse andare alla Sampdoria vedremo, se dovessimo trovare qualcosa di valido potrebbe arrivare un nuovo giocatore. Altrimenti abbiamo provato D’Ambrosio come centrale”.

Rolando è un’opzione?: “Non credo sia possibile, cerchiamo un prestito gratuito”.

Se potesse, impedirebbe la cessione di Guarin?: “Ho un debole per Guarin, ma non tutti la pensano come me. Alcuni giocatori pensano di aver finito la propria storia in un club, ma se dovesse andar via gli auguro il meglio, altrimenti darà tutto per l’Inter. Fredy è straordinario fisicamente, diverso da tutti gli altri che abbiamo. Se dovesse andare via sarebbe una volontà sua. Sarebbe sostituito, mentre per Ranocchia è diverso, abbiamo sostituti. Se Guarin verrà ceduto, quindi avremmo dei soldi da utilizzare per una soluzione in quel ruolo”.

  •   
  •  
  •  
  •