Mihajlovic: “Reazione da uomini veri. Boa? Si è meritato la conferma”

Pubblicato il autore: Gianfranco Mairone Segui

miha3

Finisce pari il match dalle panchine bollenti tra Roma e Milan, apre Rudiger per i capitolini e pareggia Kucka per i rossoneri. Nel complesso nettamente meglio la squadra meneghina, come fa intendere il tecnico Sinisa Mihajlovic ai microfoni di Premium Sport:

Sulla reazione della squadra: “Voglio dire che i veri uomini si rialzano sempre dopo essere caduti. Noi ci siamo rialzati e siamo usciti a testa alta. I primi 10 minuti sono stati da brividi e dobbiamo dire grazie a Donnarumma. Poi abbiamo preso le misure alla Roma e nel secondo tempo abbiamo dominato e meritavamo di più. Questa squadra merita fiducia”.

Sulla mira sotto porta: “Non è un problema di oggi. Se penso che nelle ultime due partite abbiamo creato tanto e abbiamo ottenuto solo un punto. Se avessimo avuto più cinismo, cattiveria e serenità, avremmo fatto meglio. Oggi la squadra ha fatto una grande partita, ha dominato il secondo tempo e meritavamo di vincere”.

Leggi anche:  Dove vedere Milan-Venezia, streaming e diretta Tv

Su Romagnoli: “Alessio fino ad oggi ha fatto sempre bene. Oggi si doveva dare una svegliata perché doveva prendere lui Rudiger sul gol e doveva stare più sveglio su Sadiq. Ha fatto sempre bene quando ha giocato, gli si perdonano gli errori, ma non li deve più commettere”.

Su Boateng: “E’ un giocatore importante. Ha forza, qualità e spirito giusto. Ho parlato con lui, si è meritato la conferma con noi e sono contento della sua prova e spero che continui così”.

Sullo spirito della squadra: “Non so se è stato un Milan diverso. Sono d’accordo a metà. Noi, col Bologna, abbiamo creato un sacco di occasioni. Per quello che abbiamo fatto sul campo, dovevamo avere sei punti mentre ne abbiamo uno. Non siamo fortunati. Ma questa è una squadra unita, che gioca, che crea e che merita fiducia. Anche stasera abbiamo raccolto meno di quello che meritavamo. Siamo in un momento non facile, ma i veri uomini quando cadono si rialzano e oggi hanno dimostrato di essere una vera squadra”.

Leggi anche:  Serie A, dove vedere Torino-Lazio: streaming e diretta tv DAZN o SKY?

Sul futuro: “Ormai è diventata un’abitudine il discorso sul mio futuro. Sono tre mesi che si parla di questo…”.

Sull’espulsione: “Ormai l’allenatore in panchina non può fare più nulla. Io ho tirato quel calcio perché ero deluso per un gol sbagliato, mica posso dire una poesia. Mi sono arrabbiato anche col massaggiatore perché mi mette sempre li la bottiglietta. Non era una protesta, ma un momento di rabbia per un’occasione che ci poteva dare la vittoria. Magari non è stato un buon esempio e mi spiace per i miei figli che mi hanno visto cacciato”.

Sul mercato: “Io, per il mercato, parlo con la società. Abbiamo delle idee chiare e vediamo quello che si può fare, ma la società è sempre presente”.

  •   
  •  
  •  
  •