Montella: “Juve? E’ un avversario scomodo che ti stimola”

Pubblicato il autore: Gianfranco Mairone Segui

Sampdoria-Montella

Dopo la vittoria nel derby la Samp domani affronterà tra le mura amiche la Juventus. Ecco le dichiarazioni in conferenza stampa del tecnico doriano Vincenzo Montella:

L’entusiasmo del derby va convogliato contro la Juve: “Deve essere archiviato nella mente dei giocatori perchè affrontiamo la Juventus. Ci vuole rabbia, concentrazione e umiltà perchè è una partita difficilissima”.

Si va verso una conferma in blocco della squadra che ha vinto il derby?: “Devo valutare oggi le possibilità, qualcuno sta crescendo e qualcun’altro è infortunato

Come sta Eder?: “Sta bene, nessun problema”.

Bello vincere un derby da allenatore?: “Ripeto quello che ho detto alla vigilia, hai la possibilità di gustarselo un po’ di più”.

Forse bisogna un po’ lavorare sull’aspetto psicologico?: “Più che altro dobbiamo lavorare sulla tenuta mentale nell’arco dei 95 minuti. Ho visto solo un leggero calo di tensione che nel calcio italiano rischia di stravolgere tutto”.

Leggi anche:  Serie A, dove vedere Fiorentina-Inter: diretta TV e streaming, DAZN o SKY?

La Juve è tornata?: “Credo che abbia trovato la quadratura e la continuità. I nuovi avevano bisogno di inserirsi e ora stanno crescendo. Per abitudine societaria, credo che facciano fatica mentalmente più del dovuto sapendo che devi vincere per forza. Sono nel loro momento migliore e sarà ancora più stimolante mettere in campo le caratteristiche che dicevo prima”.

Juve pericolosa sui calci da fermo con Dybala?: “E’ una squadra strutturata per calciare bene. Noi non siamo altissimi e un po’ di mestiere dovremmo metterlo”.

Adesso potete provare a giocarvela?: “Il calcio, soprattutto in Italia, riserva molto spesso delle cose bellissime. Anche due settimane fa non ero certo che ne saremmo usciti sconfitti”.

La Juve è l’avversario, dal punto di vista psicologico, migliore?: “La Juve non ti dà spazio per essere appagato, è un avversario scomodo che ti stimola”.

Leggi anche:  Infortunati Serie A: gli indisponibili della 5 giornata

Dodò e Ranocchia in arrivo?: “La società sa quali sono le priorità per provare a migliorare la squadra. Dico solo che la volontà c’è e chi viene alla Samp deve venire con grandissimo entusiasmo, con un grandissimo sorriso e grandissima determinazione”.

Nel derby si è visto un modo diverso di giocare rispetto a quello che tu hai in mente.: “Credo che sia necessario capire quali siano le caratteristiche migliori di una squadra”.

Ancora sulla gara contro la Juve: “E’ una partita importante, giochi contro un avversario stimolante perchè innanzitutto ti puoi misurare se puoi essere all’altezza dei giocatori della Juve. Si parla troppo del derby e l’attenzione domani deve essere focalizzata su cosa mettere in campo”.

Ci sarà un atteggiamento diverso rispetto alla gara contro il Milan:“A San Siro abbiamo giocato malissimo ed è stato forse il punto più basso da quando sono qua. In Coppa Italia abbiamo fatto una gara diversa”.

Leggi anche:  Telecronisti Serie A, 5.a giornata: il palinsesto di Sky e DAZN

L’assenza di Marchisio porterà qualche cambiamento?: “Cambia poco. Forse come caratteristiche può cambiare qualcosa”.

Domani nella Juve ci sarà Dybala, giocatore che ti assomiglia molto: “Mi vedo molto e devo dire che quando allenavo il Catania, il direttore Lo Monaco mi aveva detto che in Serie B c’era un giocatore che mi assomigliava, io gli dissi di comprarlo subito, ma costava tanto già allora”.

Possiamo rivedere quel Cassano ai livelli di qualche anno fa?: “Antonio è tra i pochi giocatori nella storia del calcio che gioiscono forse a far segnare gli altri. Ha grandissima generosità in area di rigore, e non è poco. Sta crescendo come continuità, è motivato e credo che possa dare tantissimo”.

  •   
  •  
  •  
  •