Napoli campione d’inverno dopo 26 anni e oltre 9000 giorni

Pubblicato il autore: Daniela Segui

higuain_0Napoli campione d’ inverno. Un titolo che non arrivava più dal 1989 a oggi, 2016. In totale poco più di ventisei anni, precisamente 9520 giorni. Una denominazione sicuramente meritata. Ricordiamo la vittoria di domenica dieci gennaio 1-5 contro il Frosinone; nel 1989 il Napoli divenne campione d’ inverno battendo il Bologna 2-0, molto meno schiacciante. La squadra ha dovuto attendere quasi un trentennio prima di ritrovarsi il titolo onorifico… Ancora. Un “premio” se così lo si vuole chiamare, importante e per nulla insignificativo. Secondo le statistiche, quantomeno dal 2006/2007, chi è diventato campione in questo primo girone, a maggio ha vinto uno scudetto. Nella storia c’è una sola eccezione a questo, ma risale al 1936. In quell’ anno, la Juve raggiunse questo primo traguardo per poi classificarsi in quinta posizione alla fine dell’anno calcistico. Un’eccezione che sicuramente per il Napoli non vorrà fare la differenza. Eppure i giocatori, fiduciosi e contenti di questa vittoria, complimentandosi assieme alla loro città, mantengono oggi un cauto ottimismo. Come ha dichiarato una delle “stelle” del calcio Napoli, Gonzalo Higuain:”Essere campioni d’inverno non serve a nulla. Serve quando sei campione a maggio. Stiamo tranquilli, ci meritiamo questo momento, stiamo lavorando tantissimo e bene. Adesso dobbiamo però stare calmi, mancano ancora cinque mesi di campionato e speriamo di continuare così”. Di parere non diverso un altro “asso” del Napoli, Marek Hamsik:”Scudetto? E’ una bella soddisfazione stare là sopra, non significa niente in questo momento, ma sarà importante alla fine del campionato. Oggi siamo contenti, ma non dobbiamo abbassare la testa e dobbiamo continuare così. Io per primo mi sto divertendo sul campo e questa è la soddisfazione più grande. Il Napoli sta giocando un grande calcio e questo si vede in campo e in classifica- conclude-Noi i migliori?Sì, sono le nostre partite, i nostri risultati e il nostro modo di giocare a darci la consapevolezza di essere forti. Adesso dobbiamo solo rimanere con questa consapevolezza così possiamo arrivare fino in fondo”. Per il Napoli è il quarto titolo di campione d’inverno nella storia: il primo arrivò nella stagione 1986/1987 in cui vinse lo scudetto, e il secondo nel 1987/1988 in cui arrivò seconda alla fine del campionato a soli tre punti di distanza dal Milan. In effetti, se vogliamo guardare le statistiche, nonostante le dichiarazioni dei giocatori del Napoli, come detto “cautamente ottimistiche”, l’appellativo di campione d’inverno, equivale quasi a una vittoria di scudetto. Negli ultimi tempi, da dieci anni a questa parte, il 78,9% dei casi la squadra che ha ottenuto il titolo, equivale a dire 15 volte su 19, ha vinto a maggio uno scudetto. Quindi anche se la strada è ancora “lunga e densa di ostacoli”, possiamo affermare che la squadra di De Laurentis è già a ben oltre la metà del suo percorso. Dunque, anche se i lavori non possono dirsi ancora conclusi, spetterà proprio a De Laurentis, Sarri e tutto lo staff  prepararsi al meglio per dimostrare nei prossimi mesi di essere veramente i migliori e che quindi possono e, come ha detto qualche tifoso appassionato “devono vincere il titolo che spetta a loro di diritto”. La sfida è appena iniziata. C’è chi scommette che si prepara un campionato per il Napoli ancora più avvincente.

Leggi anche:  Serie A, dove vedere Empoli Bologna: diretta tv e streaming DAZN o Sky?
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: