Nemanja Vidic annuncia il suo ritiro dal calcio

Pubblicato il autore: Eugenio Usai Segui

Vidic1

Il difensore serbo Nemanja Vidic ha annunciato il suo ritiro dal calcio. Il trentaquattrenne ha preso la sua decisione dopo la rescissione dall’Inter. Il motivo starebbe per i numerosi problemi fisici che hanno condizionato nelle ultime due stagioni, in particolare un infortunio alla schiena che ha necessitato un’operazione  e che non gli ha permesso di giocare nessuna partita in questa stagione. Difensore centrale di grande potenza fisica, abilissimo nel gioco aereo e dotato di uno spirito da vero guerriero della retroguardia, ha iniziato la sua carriera in patria con il Spartak Subotica, squadra in cui era stato prestato dalla Stella Rossa, la società dove militava nelle giovanili. Lo Stella Rossa lo riprende in squadra dopo la positiva esperienza allo Spartak e con i rosso bianchi vincerà un campionato e due coppe nazionali. In seguito verrà preso dallo Spartak Mosca, dove verrà eletto “Giocatore dell’anno” nel 2005. Le convincenti prestazioni in terra russa accendono l’interesse di società come Fiorentina e Manchester United. Saranno i Red Devils ad aggiudicarselo e lì Vidic raggiunge il suo apice nella sua carriera di calciatore vincendo la Champions League e il Mondiale per Club nel 2008. Quando nel 2014 l’Inter lo acquista, i critici sono tutti concordi nel dire che la società nerazzurra ha fatto un notevole colpo di mercato. Peccato che il Vidic dei tempi d’oro è solo uno sbiadito ricordo, nell’Inter rimedia solo partite sottotono ed è segnato dagli infortuni; colleziona un totale di 23 presenze e un gol nella sua esperienza interista. Questa finale e negativa parentesi di sicuro non cambia il giudizio sulle qualità di un ottimo difensore, che con affianco un altro gigante come Rio Ferdinand ha formato una coppia di centrali invidiata da tutta Europa, la quale ha contribuito anche alla vittoria di tre Coppa di Lega, Cinque Campionati e Cinque Community Shield.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Fiorentina-Inter: quella volta che....Borgonovo decide la gara a tempo scaduto
Tags: