Pasciuti nella storia, in gol con il Carpi dalla D alla A

Pubblicato il autore: Pierluigi Persano Segui

pasciuti
A Carpi Lorenzo Pasciuti è un istituzione. Per i tifosi biancorossi lui è “il Sindaco”.
Arrivato nel gennaio 2010 dal Pisa, Pasciuti è uno dei reduci del miracolo Carpi dalle origini, quando ancora giocare a San Siro era un sogno e si calcavano i campi della Serie D.
Esterno di quantità e qualità, ha conquistato quattro promozioni in sei anni: un record per lui, che ha vestito 166 volte la maglia del Carpi in ogni categoria. Serie D, Prima e Seconda Divisione (le vecchie C1 e C2), Serie B e da quest’anno anche nel massimo campionato italiano.
Ma da oggi Lorenzo Pasciuti entra di diritto nella storia del Carpi e del calcio italiano. Il “Sindaco” di Carpi è infatti l’unico giocatore ad aver segnato in cinque categorie diverse con la stessa squadra (battendo il record di Rubino che con il Novara aveva segnato dalla C2 alla A).
Nella prima stagione in Serie D arriva il primo gol in biancorosso in dodici presenze e la promozione tra i professionisti in Seconda Divisione. L’anno successivo arrivano 5 gol in 28 presenze e la promozione in Prima Divisione. Al primo anno in Prima Divisone nel 2011-2012 la Serie B sfuma solo in finale play-off contro la Pro Vercelli, ma Pasciuti timbra il cartellino con 3 gol in stagione. Un anno più tardi arriva un altro gol e la promozione in B, dopo un’altra finale play-off  stavolta vinta a Lecce.
Dopo due anni, 60 presenze e 5 gol in Serie B per Pasciuti si aprono le porte del paradiso. Il Carpi è in Serie A, e al 26′ della sfida contro l’Udinese di oggi segna di testa il gol che lo rende immortale.
I miracoli nel calcio esistono, se siete scettici chiedete a Pasciuti.

Leggi anche:  Serie A, Genoa-Fiorentina le probabili formazioni: out Caicedo, c'è Ekuban
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: