Poker Sarri: squalifica, querela, tapiro e…”Le Iene”

Pubblicato il autore: Antonio Orlando Segui

103915119-cc967bf5-bb2e-4910-980b-58c35a4eedd5Era il 19 gennaio 2016 e al San Paolo si svolgeva il quarto di finale della Coppa Italia tra Napoli e Inter. Sono trascorsi ben 4 giorni e ancora non si parla d’altro. E chiaramente non per i meriti calcistici dell’Inter che ha superato gli avversari, ma per la polemica nata a fine match tra i due allenatori. Polemica che è inevitabilmente destinata a durare ancora pur avendo impegnato per giorni i vari media nazionali ed i social network. Quello che è successo dovremmo ormai conoscerlo tutti, ma per chi non lo sapesse riepiloghiamo in breve. Nei minuti finali il quarto uomo ha erroneamente segnalato sulla lavagnetta elettronica 9 minuti di recupero anziché 5. Questo ha fatto infuriare Mancini. La reazione dello stesso ha suscitato commenti prima ironici poi rabbiosi dalla panchina partenopea che hanno provocato l’inizio dello scontro verbale tra i due tecnici. Sarri ha attaccato Mancini attribuendogli epiteti decisamente fuori luogo. ”E’ un razzista – ha detto Mancini – uomini come lui non possono stare nel calcio. Avevo solo chiesto al quarto uomo il perché dei cinque minuti di recupero e lui ha iniziato a inveire contro di me. Mi ha dato del ‘frocio’, del ‘finocchio’. Si deve vergognare”. Ma questo lo sapevamo già, così come sappiamo già che il tecnico del Napoli si è più volte scusato sia ai microfoni di varie emittenti sia con Mancini stesso, ripetendo che si trattava di un semplice sfogo dettato dalla tensione del match e che avrebbe dovuto evitare di pronunciare simili parole. Ora andiamo a vedere tutte le conseguenze che ne sono nate in virtù della grande attenzione mediatica che i due tecnici hanno suscitato. Ogni conseguenza possiamo affermare che sia andata a discapito del tecnico del Napoli.

Leggi anche:  Dove vedere Milan-Venezia, streaming e diretta Tv

La prima e inevitabile conseguenza di tale episodio è la squalifica tanto temuta. Ma poteva andare peggio. Il giudice sportivo Giampaolo Tosel ha inflitto due giornate di squalifica a Sarri, da scontare nella prossima Coppa Italia, più un’ammenda di 20 mila euro. Solo di 5.000 euro l’ammenda per Roberto Mancini, tecnico dell’Inter.

La seconda conseguenza, di certo non prevista da Sarri, è la querela da parte della Democrazia Cristiana. Ecco perché. Durante la conferenza stampa, Sarri giustificandosi per gli insulti a Mancini, ha affermato: “Ho detto la prima offesa che mi è venuta in mente, gli avrei potuto dire sei un democristiano”. Queste le parole che hanno fatto infuriare i democristiani e che hanno fatto scattare la denuncia. Ieri, infatti, la Democrazia Cristiana ha presentato al Procuratore capo di Palermo Francesco Lo Voi, una denuncia-querela nei confronti del tecnico dei partenopei. L’esposto è a firma di Alberto Alessi, segretario nazionale della ‘Democrazia Cristiana Nuova’, ex deputato Dc, nonché figlio di Giuseppe Alessi, primo presidente della Regione Sicilia e tra i fondatori della Democrazia Cristiana e del suo simbolo. “La decisione di querelare Sarri per le sue parole sulla Democrazia cristiana non è un fatto personale. Ma intendo difendere i valori della Democrazia Cristiana e di uomini come Sturzo, De Gasperi e non ultimo mio padre”.

Leggi anche:  Insulti razzisti a Maignan: identificato il tifoso

Le due conseguenze sicuramente più ironiche e umoristiche del caso, sono il tapiro consegnato da Valerio Staffelli di Striscia la Notizia a Sarri e l’intervista rilasciata da entrambi i tecnici che andrà in onda a “Le iene” domani sera. “Non accetto accuse d’omofobia – ha detto Sarri ai microfoni di Striscia – perché la mia storia parla d’altro. Ho avuto due amici omosessuali che purtroppo sono morti. E’ un’offesa dettata dalla rabbia. Mi sono scusato con tutti gli omosessuali, più di così non posso fare. Purtroppo in campo, sotto stress, può succedere. La prossima volta cercherò di stare zitto, però temo di rivederti – ha concluso il tecnico del Napoli rivolgendosi a Staffelli – perché per carattere ogni tanto mi scappa qualche parola di troppo”.

Infine tutto è bene quel che finisce bene perché, come detto, la pace tra i due mister passa sia dalle Iene che sono riuscite a far trovare un punto d’incontro ai due tecnici, sia dal sito ufficiale dell’Inter che rende noto attraverso un comunicato le scuse accolte dalla società. “Roberto Mancini e il Club – come dice la nota – desiderano accettare le scuse presentate da Maurizio Sarri e dal Napoli e auspicano che l’attenzione dei media e del pubblico possa ora tornare alle partite di Serie A e TIM Cup, in una stagione particolarmente avvincente per i tifosi di entrambi i club”.

  •   
  •  
  •  
  •