Roma Frosinone, le riflessioni del giorno dopo

Pubblicato il autore: Erika Lolli Segui
FB_IMG_1454269783696
La Roma prende fiato
Uno stadio Olimpico ancora semivuoto ha accolto il Frosinone pieno di speranza e in cerca di un “miracolo”. Quei miracoli che nel calcio accadono, e perché non crederci visto il momento critico della Roma? Ma stavolta la Roma c’era. C’erano i nuovi arrivati con la voglia di dimostrare il loro valore, e i “vecchi gioielli” pronti ad entrare a sostegno della squadra. E forse è solo così che si riprende fiato, dopo le prestazioni più ingloriose e le solite mancanze che non si erano smentite nemmeno con il cambio di allenatore, nemmeno con l’ultima prestazione contro la Juventus dove già si intravedeva una squadra più compatta, certo, ma non ancora libera dal momento di down che ha visto troppe giornate concludersi col malcontento dei tifosi. Il Frosinone si è dimostrato un avversario presente e combattivo, ma la Roma è riuscita finalmente a non subire il calo di tensione delle precedenti partite nemmeno dopo il pareggio ottenuto dalla squadra del frusinate, e i due gol realizzati nel secondo tempo sono stati la risposta migliore. Parola d’ordine “fiducia”, fiducia nel nuovo acquisto El Shaarawy che ha sorpreso tutti con un favoloso gol di tacco e fiducia che quel clima di tensione e sconforto generale che la Roma stava affrontando si sia finalmente dileguato. Fiducia in Spalletti, che forse è arrivato tardi, ma dimostra di aver dato ai suoi ragazzi un imput positivo, e una rielaborazione di gioco sia dei singoli che del gruppo, così che partita dopo partita si rende sempre più visibile. Anche l’ingresso in campo, nella seconda fase della partita, del Capitano Francesco Totti acclamato dall’ applauso dei presenti e il suo sorriso, che non si vedeva da troppo tempo, sono stati ingredienti fondamentali per l’uomore della squadra. Quel momento in cui ti fermi e “prendi fiato” alla fine di una corsa affannosa che ti ha portato nella direzione sbagliata, questa la fotografia della partita Roma Frosinone terminata con il risultato di 3 a 1. Una fiducia ritrovata, che vale quanto è forse anche di più, dei tre punti ottenuti in classifica.
  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Primera División argentina, 11° turno: il River Plate sale al terzo posto