Roma Milan 1-1, un tempo per uno (forse) non fa male a nessuno…

Pubblicato il autore: Salvatore Balistreri Segui
roma milan

Fonte: Salvatore Balistreri – SuperNews

ROMA MILAN 1-1 – Allo stadio ‘Olimpico’ la serata era mite, la temperatura intorno ai 13° ha concesso ai 37444 spettatori paganti un clima primaverile che ha permesso loro di concentrare tutte le proprie attenzioni su una partita fondamentale per entrambe le squadre. Roma e Milan, infatti, sapevano che il match di ieri sera rappresentasse una vera e propria sfida da ‘far west tra due pistoleri, chi perde è spacciato’ (cit. Mihajlovic).
La cornice di pubblico è stata  discreta ma non di certo quella delle grandi occasioni. La situazione non proprio idilliaca vissuta dalle due squadre la si è notata anche dalla mancanza di particolari coreografie oltre che dai cori di un pubblico volto più a criticare le proprie fazioni (tramite bordate di fischi i sostenitori giallorossi e frasi contro Galliani i rossoneri) piuttosto che a sostenerle.
I due allenatori, che potevano contare sui ritorni di capitan Totti l’uno e di Kevin Prince Boateng l’altro, hanno deciso di mandare in campo quella che a parer loro sarebbe la migliore formazione possibile. Tra le fila dei giallorossi sia Salah che lo stesso Totti si accomodano in panchina per lasciar spazio a Iago e al nuovo beniamino di casa Umar Sadiq. Mihajlovic, invece, ha preferito Zapata e De Sciglio a Mexes e Antonelli, ha mandato in panchina il proprio capitano Montolivo affidandosi alla coppia Kucka-Bertolacci per la zona centrale della mediana, e ha rilanciato dal primo minuto Luiz Adriano come partner di Bacca.

ROMA MILAN 1-1, PRIMO TEMPO A TINTE GIALLOROSSE – Pronti via e la Roma è partita fortissimo, prendendo contro tempo un Milan che non si aspettava una partenza del genere dai giallorossi. Dopo neanche un minuto di gioco, infatti, Sadiq ha rubato palla al limite dell’area testando i riflessi di un prontissimo Donnarumma, che ha sventato con un guizzo la conclusione del giovane nigeriano. Non ha potuto nulla, però, lo stesso portiere milanista al 4′, quando una punizione di Pjanic è stata deviata in gol per la prima volta in questo campionato da Antonio Rudiger, abile a sfruttare un errore di reparto della difesa del ‘Diavolo’ e a insaccare da neanche due passi con una conclusione al volo. Un gol lampo che ha dato fiducia alla Roma e ha tagliato le gambe al Milan. Pochi minuti dopo, infatti, Sadiq si è liberato ancora una volta alla grande e ha servito a Pjanic un ottimo pallone che il bosniaco però ha spedito a lato. Il Milan si è visto per la prima volta al 9′, quando De Sciglio ha provato un tiro da fuori che non ha impensierito particolarmente Szczesny. I padroni di casa erano momentaneamente i padroni del campo e al 19′ avrebbero potuto raddoppiare ancora con il protagonista di questo inizio match Rudiger che, sempre da calcio piazzato, di testa ha costretto Donnarumma a un altro grande internvento con deviazione di istinto sulla traversa. Dopo la prima mezz’ora di gioco, però, si sono intravisti anche i primi spiragli di una reazione milanista nonostante Szczesny non sia mai stato costretto a interventi di un certo livello.

Leggi anche:  Calendario Serie A 6° giornata: quali match su Sky e Dazn?

ROMA MILAN 1-1, MILAN SPRECONE NELLA RIPRESA – Al ritorno in campo lo speaker ha annunciato una notizia che in pochi si sarebbero aspettati: fuori Manolas (risentimento muscolare al flessore sinistro) e dentro Castan. La Roma cosi ha perso il suo pilastro difensivo e con esso anche la sicurezza messa in campo nella prima frazione di gioco. La ripresa, infatti, ha visto il Milan consapevole di non poter perdere e dunque sin da subito in avanti. Non sono passati neanche 4′ dal fischio di inizio quando gli uomini di Mihajlovic hanno trovato la via del pareggio: Honda, dalla destra, ha effettuato un ottimo traversone sul quale si è innalzato altissimo Kucka, che ha sovrastato in elevazione Florenzi e di testa ha battuto l’incolpevole Szczesny. Il gol del pari ha ridato vitalità ed energie al Milan, che ha preso in mano le redini del gioco spezzando in due la Roma, incapace di impostare come si deve una manovra  e utilizzare la mediana del campo come fatto nel primo tempo. Garcia ha provato a inserire Salah per sfruttare eventuali ripartenze, mentre Mihajlovic ha tolto un non eccezionale Luiz Adriano per dar spazio al ritorno in Serie A, dopo due anni e mezzo, di Boateng. Il ‘Boa’ è entrato in campo un po’ sovrappeso ma con una grandissima voglia di fare, e lo ha dimostrato quando ha recuperato palla sulla trequarti e con una progressione delle sue è entrato in area, è andato sul fondo e ha messo un pallone in mezzo che bisognava soltanto essere spinto in porta. Bacca ha fatto un grandissimo velo per l’arrivo da dietro di Kucka il quale ha clamorosamente sbagliato da due passi mandando alto.  Per la rabbia dell’occasione buttata al vento Mihajlovic ha dato un calcio alla bottiglietta ed è stato cosi espulso dall’arbitro Orsato. Il Milan però ci credeva, ha recuperato palla e fatto partire un contropiede molto ben innescato dalla retroguardia rossonera e concluso da Bacca con un tiro a giro da dentro l’area che si è spento sulla traversa terminando successivamente fuori. I rossoneri in quel momento sono stati in totale controllo del match e allora Garcia ha deciso di affidarsi al suo capitano, Francesco Totti, accompagnato dal boato di uno stadio tutto per lui. Ma ai giallorossi non è bastato neanche l’innesto del proprio idolo per provare a far male a un Milan decisamente migliore nella ripresa. Negli ultimi minuti di gioco non è successo più nulla, e l’incontro si è concluso con un pareggio che, almeno provvisoriamente, ha salvato le due panchine lasciando però Garcia tra grandi preoccupazioni, una depressione difficile da curare e gli infortuni di Manolas e Nainggolan da valutare. Mihajlovic, invece, ha la certezza che la squadra sia con lui e può apprezzare la volontà dei suoi uomini nel reagire a situazioni  di difficoltà, guardando con piccoli cenni di positività verso l’importantissimo match di Coppa Italia di mercoledì sera contro il Carpi.

Leggi anche:  Serie A, dove vedere Juventus - Sampdoria: streaming e diretta TV, SKY o DAZN?

Dall’inviato all’Olimpico Salvatore Balistreri

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,