Tapiro a Sarri: spuntano precedenti insulti di Mancini

Pubblicato il autore: Jessica C Segui

sarri-mancini-tapiro-strisciaIeri sera durante il programma Striscia la Notizia è andato in onda il servizio della consegna del tapiro a Sarri dopo le polemiche che lo hanno visto coinvolto con Mancini.

L’allenatore del Napoli ha accettato con il sorriso la consegna ufficiale dell’ambito “premio” da parte di Staffelli.
Tuttavia si è giustificato, sostenendo di essersi scusato in privato negli spogliatoi con Mancini e poi pubblicamente ma il diretto interessato non ha accettato le scuse.
Dal servizio della consegna del tapiro a Sarri è emerso però un fatto che ha sorpreso molti telespettatori. Pochi ricorderanno infatti che nel lontano 2001 fu proprio l’allenatore dell’ Inter (allora allenava la Fiorentina) ad apostrofare con “Frocio di …” un giornalista della Gazzetta dello Sport, tale Alessio Da Ronch.

Leggi anche:  Serie A, Sampdoria-Napoli: streaming e diretta tv DAZN o SKY?

Mancini però non ci sta con queste accuse mosse a suo carico e attraverso il suo sito ufficiale si difende in questo modo:

 «Non ho mai usato quella parola perché non fa parte del mio linguaggio. Non pretendo che tutti condividano il mio modo di stare nel calcio, ma al riguardo, sulle cose che non ho fatto, esigo rispetto. Vorrei che si mettesse fine a questa storia che è stata oggetto di troppe strumentalizzazioni e divisioni».

Sta di fatto che se il giudice sportivo non ha definito gli insulti come omofobi, la polemica poteva restare all’interno degli spogliatoi senza farla diventare una questione di stato. Oltretutto, utilizzare ancora l’omosessualità come pretesto per offendere è davvero di un’ ignoranza retrograda visto che siamo nel 2016 e che il problema dell’ omofobia sembra non essersi risolto affatto.

Il video della consegna del tapiro a Sarri.

  •   
  •  
  •  
  •