Allarme Milan: Jack, Kuko e Niang out

Pubblicato il autore: Paolo Bellosta Segui

Sinisa-Mihajlovic. Milan
Milan Udinese ha lasciato l’amaro in bocca ai tifosi rossoneri: due punti persi che sembrano tantissimi in un momento così delicato della stagione. Con Fiorentina e Inter che perdono colpi, il successo contro i friulani era d’obbligo, tre punti che valevano più di una finale, ma che non sono arrivati.
Una prestazione grigia che non ha dato continuità allo splendido 3 a 0 rifilato ai cugini nerazzurri. Il traguardo terzo posto, così inarrivabile fino a un mese fa, così vicino dopo il doppio pareggio di Inter e Fiorentina, ora sembra lontanissimo. Torna ad essere un Everest da scalare, soprattutto per una squadra incostante e imprevedibile come il Milan di questa stagione.
Davanti il ritmo non appare irrefrenabile, come ha affermato Galliani stesso, anche per questo l’uno a uno del Milan sembra un passo falso pesantissimo. “Peccato per il pareggio di domenica pomeriggio, poteva essere davvero un’ottima occasione per accorciare nuovamente su Inter e Fiorentina, ma non siamo riusciti a sfruttare questa opportunità. Davvero un peccato”, queste le parole di Adriano Galliani a Radio Onda Libera . E poi: “Davanti non vanno forte, abbiamo battuto sia l’Inter che la Fiorentina. Comunque possiamo mangiare ancora dei punti alle avversarie per il terzo posto. Non siamo inferiori, a mio parere possiamo lottare, anzi dobbiamo lottare e dobbiamo crederci fino in fondo. Solo pensare di qualificarsi in Champions sarebbe stato un miraggio fino a Natale. Speriamo di finire la stagione nel migliore dei modi, coi sogni terzo posto e Coppa Italia”.
Un primo tempo regalato agli avversari, poi il gol di Niang, bella sorpresa di questa squadra, e infine la traversa di Bertolacci. Un match brutto, grigio, triste. Una partita anonima di una squadra che doveva crederci e metterci l’anima dal primo minuto di gioco, ma che invece non ci ha creduto come doveva. Il successo serale della Roma ha reso poi tutto ancora più complicato, si tratta del terzo successo consecutivo per la banda Spalletti che sembra anche baciata dalla fortuna in questo primo trittico da nove punti.
La vittoria sofferta contro il Frosinone, il successo ottenuto col Sassuolo grazie al grossolano errore di Berardi dal dischetto, e i tre punti di ieri col brivido di finale: se fosse entrata la girata di Cassani, se quella palla fosse andata un centimetro più in basso, allora parleremmo di tutta un’altra storia. Racconteremmo la storia di un castello di carte che si distrugge al primo soffio di vento, del sogno Spalletti che si frantuma in partenza, ma non è andata così.
Una cosa sola è certa, i se e i ma non contano nel calcio come non contano nella vita. La fortuna è parte integrante di questo gioco e la Roma ha portato a casa tre punti grazie a Lei.

Leggi anche:  Dove vedere Brasile-Colombia, streaming e diretta tv in chiaro Copa America?

Milan: emergenza infortuni

Il Milan di Sinisa di fortuna non ne ha mai avuta troppa, anche se, siamo onesti, poche volte si è meritato l’aiuto della dea bendata. Il Milan firmato Mihajlovic ha fatto vedere qualche buona prestazione immersa in un mare di non gioco e di confusione totale.

Milan
Il faro di questa squadra è stato solo uno e si chiama Giacomo Bonaventura. Giocatore pagato niente, sottovalutato come pochi, che ha avuto un peso specifico incalcolabile. Domenica sarà di nuovo assente, si spera di vederlo aggregato al gruppo per settimana prossima, anche se non ci sono certezze.
Il centrocampo perde poi un altro pezzo importante: anche Kucka starà fuori per almeno dieci giorni, poi la partita di ieri ha portato brutte notizie anche in attacco. Niang difficilmente scenderà in campo contro il Genoa, mentre Balotelli e Menez sono ancora lontani dalla condizione ottimale. Un Milan di nuovo in balia di infortuni, incertezze e confusione? Speriamo, se poi si tirano fuori partite perfette come contro Inter e Fiorentina.

  •   
  •  
  •  
  •