Arjen Robben simulatore: il Bochum non ci sta

Pubblicato il autore: Christian Vannozzi Segui

arjen robbenGrandi, grossi, possenti e robusti, eppure basta un piccolo soffio d’aria per farli cadere, è il caso di Arjen Robben, che ha ormai il primo posto nei simulatori in Germania, o almeno e quanto dicono gli addetti ai lavori tedeschi, che mal gradiscono i ‘furbetti’.

La partita incriminata è il quarto di finale di Coppa di Germania, che ha visto confrontarsi il Bayern di Guardiola contro il Bochum (vinta dai bavaresi per 3 a 0), e dove il giocatore olandese Arjen Robben è caduto in area di rigore dopo un contatto lievissimo con il difensore Simunek. Epilogo: Simunek espulso e rigore per la squadra di Guardiola che ha scatenato la stampa tedesca e il portiere del Bochum Manuel Riemann, che si è espresso in modo non troppo garbato verso la stella del Bayern, definendolo senza mezze misure un simulatore:

“Il comportamento di Robben non mi piace, non lo sopporto”. (Parole riportate da wwww.gazzetta.it)

Nello stesso modo si esprime il coach del Bochum Gertjan Verbeek, che non nutre una grande simpatia per chi fa il furbo:

“Il contatto c’è, ma non è rigore. Quando sente un contatto Robben cade, lo sappiamo tutti come fa. Anche io sono olandese, ma mi vergogno”. (Parole sempre riportate da www.gazzetta.it).

arjen robbenCi va giù pesante l’allenatore olandese della squadra tedesca che milita in seconda divisione e che non accetta un comportamento antisportivo del genere, che prende letteralmente in giro sia la squadra avversaria che i suoi tifosi, nonché i tifosi bavaresi, che amano si vincere ma non con mezzi illeciti.

Leggi anche:  Milan, Maldini: "L'Europa League è uno dei nostri obiettivi"

Tuona contro Verbeek il dirigente Matthias Sammer, ex stella della nazionale e pallone d’oro, che non ha gradito le parole offensive del coach olandese che senza mezzi termini ha detto di vergognarsi di essere olandese per colpa dello stesso Robben. La disputa è aperta, speriamo che rimanga con toni civili, anche se una cosa è sicura, in Germania queste cose non sono gradite.

  •   
  •  
  •  
  •