Calori: “Lazio per l’Europa sarà difficile. Verona deve dare tutto”

Pubblicato il autore: Gianfranco Mairone Segui

calori

L’ex laziale Alessandro Calori ha rilasciato un’intervista a Lazio Style Radio, dove parla del momento dei capitolini e del match che li attende con l’Hellas Verona. Ecco le sue dichiarazioni:

La Lazio può puntare in campionato ad un piazzamento in zona Europa?

“Non è facile, però non c’è ancora nulla di scritto. La Lazio dovrà fare un’impresa, perché le altre squadre dovranno fare un campionato mediocre da qui fino al termine della stagione. Mentre i biancocelesti dovranno fare il massimo. Non è semplice”

Cosa è cambiato dalla Lazio dello scorso anno?

“Per vari motivi alcuni giocatori fondamentali sono venuti meno. E’ mancato Felipe Anderson come in alcuni casi Biglia. La Lazio segna poco? Non si può dare addosso ad un singolo reparto, quest’anno alla Lazio è mancata la continuità. C’è meno spavalderia in attacco. La squadra non è più spumeggiante come lo scorso anno. Probabilmente per un commistione di fattori”

L’assenza di de Vrij secondo lei pesa nella gestione della manovra?

Leggi anche:  Padova: una sconfitta che deve far riflettere

“Questo potrebbe essere un motivo, ma sarebbe riduttivo. De Vrij ha dimostrato di essere leader, un giocatore così infonde sicurezza. Mancando un uomo che sappia tenere la linea difensiva alta e permetta di essere aggressivi il reparto difensivo non sale, non salendo non permette all’attacco di ripartire velocemente e segnare. Vincere aiuta a vincere. Se non arrivano i risultati perdi quella sicurezza, quell’entusiasmo che ti fa venir meno l’essere spregiudicato. Manca l’obiettivo da poter raggiungere. Ma sono tutte esperienze di un gruppo di giovani che possono far tesoro di quello che gli sta capitando. La Lazio ha una squadra giovane, che però va coltivata con la mentalità vincente. Queste esperienze possono servire a questi giovani per fargli capire come si deve giocare per stare ad alti livelli”

La Lazio poi sarà impegnata contro il Galatasaray in Europa League… 

Leggi anche:  Dove vedere Lazio-Zenit: streaming gratis e diretta tv Champions League

“In Europa c’è meno tatticismo  rispetto all’Italia, soprattutto con i club inglesi. Con la velocità che possiede la Lazio nel ribaltare l’azione da difensiva ad offensiva e con gli ottimi esterni che possiede potrebbe fare bene e far ritrovare entusiasmo a tutti. Il tifoso è il termometro dell’entusiasmo, una vittoria in Europa League potrebbe far riavvicinare la gente. Un obiettivo sarebbe vincere in Europa. In campionato tutto può succedere, però la classifica è molto complessa”.

Cosa ne pensa dell’Hellas Verona?

Il Verona sa che non ha più nulla da perdere e deve dare il tutto per tutto. Ha giocatori come Toni e Pazzini e in più Del Neri ha ridisegnato la formazione con un 4-4-2. Hanno ottimi esterni che servono bene gli attaccanti. Sia Toni che Pazzini sono molto bravi nel gioco aereo. La Lazio non ha segnato ultimamente, è vero. Ma ha i mezzi per fare bene e tornare a segnare”

Un elemento molto importante potrebbe essere Mauri, magari a partita in corso…

Leggi anche:  Ziliani ricorda: "La profezia di Sacchi su Calciopoli il 5 maggio 2002 nella trasmissione Controcampo" (VIDEO)

“Mauri conosce bene i tempi di gioco, sa trovare spazi e verticalizzare la manovra. Anche se è un giocatore poco utilizzato potrebbe mettere in apprensione la difesa del Verona che potrebbe avere dei dubbi su quando salire e quando invece rimanere bassa”

  •   
  •  
  •  
  •