Cannavaro, addio all’Al Nassr. Ma non è come è stato a Guangzhou. Video

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

Guanzhou-Cannavaro
Nove mesi fa era stato acclamato dai tifosi del Guangzhou Evergandre ma non dopo un trionfo calcistico ma dopo la notizia del suo esonero dalla panchina del club cinese come forma di ringraziamento per quanto aveva dato al club cinese.

Oggi Fabio Cannavaro probabilmente non avrà ricevuto lo stesso trattamento che gli hanno regalato i tifosi cinesi lo scorso anno dai supporters del suo ormai ex club ma identico è il motivo per il quale si torna a parlare dell’ex juventino. Il campione del Mondo del 2006 d’accordo con la società ha deciso infatti di abbandonare la panchina della formazione saudita dell’Al Nassr.  Per Cannavaro, quindi, una nuova esperienza non molto esaltante nel ruolo di allenatore dopo i mesi trascorsi sulla panchina del Guangzhou.  La scelta di lasciare l’Al Nassr è maturata a seguito del cattivo andamento della squadra nella Saudi League, la prima divisione del campionato saudita. La formazione occupa, infatti, il sesto posto in classifica con 18 punti di distacco dalla vetta. Fatale l’ultima sconfitta, 4 – 3 contro il Najran terzultimo in classifica.  L’esperienza saudita di Cannavaro è durata soltanto quattro mesi. Era subentrato ad ottobre al posto di Jorge da Silva.  La fine della collaborazione con l’Al Nassr impedisce a Cannavaro di vivere da vicino l’esperienza della Champions d’Asia nella quale la formazione saudita è attesa ai nastri di partenza il prossimo 23 febbraio contro gli uzbeki  del Bunyodkor.  In Cina Cannavaro venne esonerato dopo qualche mese,  dopo essere subentrato a Marcello Lippi sulla panchina del Guangzhou Evergandre, e sostituito da Felipao Scolari.

Leggi anche:  Inter-Bologna, probabili formazioni: Lukaku e Sanchez dal 1' insieme
  •   
  •  
  •  
  •