E’ morto Ernesto Bronzetti, il re del mercato

Pubblicato il autore: Simone Braconcini Segui

AMWXI1PJ1852-km2G-U10603374273419jJG-1024x576@LaStampa_it
Uno degli articoli che mai avremmo voluto scrivere. La notizia è di quelle che rattristano tutti: tifosi, dirigenti, giocatori e giornalisti. E’ morto Ernesto Bronzetti. Il Re del mercato se ne è andato questa mattina, dopo lunga malattia, all’età di 69 anni. Bronzetti era agente Fifa dal 1994 e tra le operazioni principali da lui portate avanti come mediatore di mercato, vanno ricordate quelle che portarono al Milan  Kaká, Rivaldo, Ronaldinho e Beckham. Ma il suo capolavoro fu quello di condurre Carlo Ancelotti, di cui era procuratore, sulla panchina del Real Madrid, in virtù degli ottimi rapporti da sempre avuti con la dirigenza delle merengues. Altra trattativa famosa che vide coinvolto Bronzetti, fu quella di Vieri all’Atletico Madrid.

Grande tristezza e sconcerto nel mondo del calcio italiano: il Milan, società con la quale Bronzetti aveva a lungo collaborato in qualità di consulente, ha manifestato il proprio cordoglio con un messaggio apparso poche ore fa sul sito del club: «il cordoglio è intenso e sentito»-si legge tra le righe rossonere- .

Leggi anche:  Mondo del calcio in lutto: morto il campione Romano Fogli

Da segnalare, coincidenza davvero triste, che solo poche ore prima della scomparsa di Bronzetti si era chiusa la sessione invernale del mercato, di cui Bronzetti era da anni uno dei protagonisti più importanti.

Personalmente ricorderemo con grande affetto un uomo buono, dolce, affabile e sempre disponibile nei confronti di tutti, giornalisti compresi. Un professionista esemplare, Ernesto Bronzetti, con il successo che non aveva tuttavia minimamente scalfito la sua natura di uomo semplice. Alla moglie e alle tre figlie di Ernesto, le più sentite condoglianze da parte della redazione di Supernews.

  •   
  •  
  •  
  •