Favilli, una nuova freccia nell’arco di Max

Pubblicato il autore: @lorenzo_v_81 Segui

image

Minuto 92’40” di Frosinone – Juventus, gara ormai chiusa sullo 0-2 dopo i gol di Cuadrado e Dybala. Il capitano della Juventus e della Nazionale Gigi Buffon mette volontariamente il pallone fuori per permettere una sostituzione decisa da Massimiliano Allegri: esce uno stanco Alvaro Morata per far posto ad Andrea Favilli, giovane centravanti della primavera bianconera allenata da Fabio Grosso che fa così il suo esordio in serie A. Sarà un momento indimenticabile, seppur breve, per Favilli che da tempo attendeva questo evento.

Certo le assenze di Zaza e Mandzukic hanno permesso al giovane attaccante pisano di scalare rapidamente le gerarchie, ma lo stesso Allegri qualche giorno fa durante un’intervista nella quale si parlava delle assenze in attacco diceva:” Nessun problema, abbiamo Favilli, magari ce la risolve lui“. Non l’ha risolta, ma ha avuto di sicuro un grande attestato di stima da un allenatore livornese per il quale, vista la forte rivalità, non sarà stato facile fare complimenti ad un pisano. Il destino di Favilli però si è già incrociato con la città labronica visto che proprio la squadra amaranto lo ha prelevato dallo Zambra, squadra nella quale hanno mosso i primi passi anche Christian Amoroso e Diego Fabbrini. Le sue prestazioni non sono passate inosservate agli scout bianconeri che hanno deciso di prendere in prestito il classe ’97 per questa stagione.

Leggi anche:  Fabio Capello: "Questa sera ho visto una Juve mediocre. Arthur non ha visione di gioco"

Nella primavera di Grosso, Andrea Favilli ha avuto subito grande spazio ripagando questa fiducia con 10 gol in 13 partite mettendo in mostra grandi doti fisiche e senso del gol che lo hanno portato anche alla convocazione con la nazionale under 19. Massimiliano Allegri, da sempre molto attento ai settori giovanili delle squadre che ha allenato, lo aveva già portato in panchina a Verona contro il Chievo, senza farlo però devuttare, contrariamente a quanto avvenuto al “Matusa”. Sin dal suo ingresso in campo la sua bacheca personale di Facebook è stata invasa di complimenti da parte di conoscenti, ex compagni o semplici tifosi che hanno voluto congratularsi con lui. Sensibili a questo esordio sono stati anche gli attuali compagni di squadra a partire, come detto, da Buffon che non ha voluto prolungare oltre il suo esordio interrompendo il gioco oppure Alvaro Morata, che gli ha lasciato il posto in campo, che alla fine ha fatto una foto con lui postando la sul suo Instagram.

Leggi anche:  Borussia Dortmund, Haaland: show e record per il ventenne

image image
Anche nella classica foto di squadra fatta negli spogliatoi per celebrare la 14a vittoria consecutiva dei bianconeri si vede Andrea Favilli piazzato nel mezzo al gruppo attorniato da gente come Pogba, Dybala, Bonucci o Cuadrado a rimarcare il fatto che il giovane pisano è riuscito a farsi voler bene subito da tutti. Nei prossimi mesi la Juventus è attesa dalla rincorsa al Napoli in campionato (proprio domenica appunto ci sarà lo scontro diretto allo Juventus Stadium) distante due punti, dal ritorno della semifinale di Coppa Italia contro l’Inter dopo il comodo 3-0 di Torino e dalla durissima doppia sfida degli ottavi di Champions League contro l’armata Bayern Monaco. Chissà che Favilli non possa entrare a pieno nelle rotazioni offensive di Allegri per provare a dare una mano in queste competizioni, ma soprattutto per prendere confidenza con una squadra è un livello che possono diventare il suo in pianta stabile nelle prossime stagioni. Il cartellino di Favilli appartiene ancora al Livorno, ma la Juve, se interessata, potrà esercitare il diritto di riscatto e le premesse sembrano esserci affinché Favilli vesta il bianconero anche il prossimo anno.

  •   
  •  
  •  
  •