Icardi svela il suo futuro. Il prossimo anno giocherà la Champions?

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

Mancini-IcardiFuga ogni dubbi sul suo futuro che, a scanso di equivoci, sarà ancora nerazzurro. E’ un Mauro Icardi convinto e deciso quello che ha annunciato di voler restare a lungo nell’Inter nonostante un momento di stagione non molto felice per la squadra e nel quale proprio le prestazioni dell’argentino sono finite sul banco degli imputati.  Icardi sarà ancora dell’Inter nonostante Mancini e le sue continue “pressioni” affinchè l’attaccante possa essere giornata dopo giornata decisivo per la squadra, nonostante le voci di mercato che puntualmente lo vogliono indossare la maglia di una o di un’altra squadra in giro per l’Europa e nonostante Mourinho il cui sempre più probabile approdo a Manchester sponda United preveda un all in di mercato proprio sul giocatore dell’Inter.  E’ stato lo stesso Icardi in una intervista rilasciata al Corriere dello Sport a giurare amore all’Inter.
I no ai corteggiamenti esteri:
“Ho sentito qualcosa negli scorsi mesi, ma volevo restare all’Inter. A Milano io e la mia famiglia stiamo benissimo, vogliamo viverci a lungo. Ho sempre avuto chiaro in mente che il mio futuro è all’Inter. Voglio restare, perché qui mi sento bene, non ho nessuna intenzione di andarmene. La società ha un grande progetto, vuole vincere e io voglio dare una mano e contribuire. E voglio giocare la Champions con l’Inter”.

Leggi anche:  Roma, Dzeko ancora positivo: potrebbe saltare anche il Napoli

Sulle difficoltà incontrate nel rapporto con Mancini negli ultimi mesi Icardi ha ricondotto il tutto in normali “tensioni” che possono verificarsi quando si attraversa come squadra un momento poco fortunato e c’è la voglia di uscire dai momenti di difficoltàCon il Mancio ho un ottimo rapporto. Ad inizio stagione mi ha chiesto di fare 15-20 gol, è normale che esiga tanto e che mi stimoli. Ma non ci sono problemi, anche quando sono andato in panchina ho capito che era normale. Con Mancini sto imparando anche a giocare fuori dall’area, mi chiede più movimento: è un cambiamento che sto metabolizzando”

  •   
  •  
  •  
  •